de fr it

Beat JakobZurlauben

3.12.1615 Zugo, 21.4.1690 Zugo, catt., di Zugo e dal 1654 cittadino onorario di Lucerna. Figlio di Beat (->). Fratello di Heinrich (->). 1) (1636) Maria Barbara Reding von Biberegg, figlia di Johann Rudolf, capitano generale di Svitto; 2) (1655) Maria Margaretha Pfyffer von Wyher, figlia di Franz, membro del Consiglio di Lucerna. Dopo le scuole a Bremgarten (AG) e Muri (AG), studiò a Parigi (1630-34). Nel 1635 divenne tenente e nel 1636 tenente delle Guardie sviz. nella compagnia dello zio Heinrich al servizio del re Luigi XIII. Titolare di una compagnia propria, fu al servizio di Francia, Venezia, Toscana, Modena e Savoia. Fu maggiore nel reggimento Lusser al servizio del duca Ferdinando II de' Medici (1646-47). Dal 1663 al 1690 fu responsabile per il ritiro e la distribuzione delle pensioni franc. e savoiarde destinate alla città e al baliaggio di Zugo. Per anni beneficiò della pensione franc. più alta, che nel 1654 ammontava a 380 lire franc. Dopo il fallito tentativo di trasferire la sede della cancelleria dei Freie Ämter da Bremgarten a Zugo intrapreso da suo padre (1629) e la morte del successore di quest'ultimo, il lucernese Niklaus Holdermeyer (1633), Z. venne nominato landscriba dei Freie Ämter. Fino al 1637 si fece tuttavia sostituire da Johann Balthasar Honegger, in seguito detenne la carica fino al 1664. Fu maggiore (1655-56) e capitano generale (1657-83) dei Freie Ämter nonché maggiore conf. (1668). Nel 1678 acquisì dall'abbazia di Wettingen la signoria giurisdizionale di Anglikon e Hembrunn, fondando così il fedecommesso. Fu membro del Consiglio (1663-90), vice-Ammann (1668-77) e Ammann (1677-80 e 1686-89) della città e del baliaggio di Zugo nonché pres. del Consiglio cittadino (Stabführer, 1678-90). Rappresentò Zugo a numerose Diete fed. e nel 1681 fu delegato a Ensisheim (Alsazia) presso il re di Francia Luigi XIV. Fu insignito dei titoli di cavaliere dell'ordine di S. Stefano (1647) e dello Speron d'oro (1656).

Riferimenti bibliografici

  • FDS AG, II/8, 386-389
  • K.-W. Meier, Die Zurlaubiana, 1981
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF