de fr it

deChalon

Capostipite del casato fu Lambert (978), al quale il re franc. Lotario (986) assegnò nel 955 il titolo di conte di C., dal nome della contea Chalon-sur-Saône. Jean il Vecchio (1267), figlio della contessa Béatrice de C. (1227) e del conte Stefano III di Borgogna (1241), cedette la contea al duca Ugo IV di Borgogna (1272) in cambio della baronia di Salins e spostò il centro della sua signoria dalla Saône all'alto Giura, nella regione fra Pontarlier e Saint-Claude. Suo figlio, Jean I de C.-Arlay (1316), dal quale ha origine la linea dei de C.-Arlay, era un cognato del conte Rodolfo d'Asburgo, che egli sostenne nella sua azione contro Berna. Nel 1288 re Rodolfo assegnò ai conti de C. il pedaggio di Jougne e la sovranità feudale su Neuchâtel, che fino ad allora aveva fatto parte dell'Impero; in tal modo i conti de Neuchâtel perdettero l'immediatezza imperiale. Né il casato dei de C. né i suoi eredi, gli Orange-Nassau, cedettero la sovranità feudale su Neuchâtel, che con il loro appoggio fu assegnata nel 1707 al re Federico I di Prussia. Questi aveva ottenuto i diritti grazie a sua madre Luisa-Enrichetta, figlia di Guglielmo II di Nassau (1650), Statolder dei Paesi Bassi.

Il primo figlio di Jean I de C.-Arlay era Hugues I (1322), che già controllava il passo dello Jougne e fece fallire il tentativo di Pierre II de Grandson di creare un nuovo valico nel Giura attraverso Sainte-Croix, costruendo la fortificazione di Franc Castel sopra la località nei pressi della gola di Les Etroits. Nel 1319 Pierre II de Grandson, accogliendo un giudizio arbitrale di Luigi di Savoia, dovette dare il suo consenso e prestare omaggio a Hugues. Il fratello di Hugues, Jean (->), fu vescovo di Basilea (1325-35). Jean III (1418) acquistò Erlach (1407) ed entrò in possesso del principato di Orange sposandone l'erede, Marie des Baux (1393). Suo figlio Hugues II (1463) ereditò (1414-24) i possedimenti del casato Montbéliard al di qua del Giura: Orbe, Grandson, Echallens, Montagny (VD), Bottens. Il duca di Savoia gli vendette la signoria di Belmont (VD). Quando si estinse il casato de Fribourg (1458), Louis de C. (1463) tentò inutilmente di ritornare in possesso del feudo di Neuchâtel. Nelle guerre di Borgogna i de C. si schierarono a fianco di Carlo il Temerario. Per questa loro scelta nel 1478 la Conf. requisì i possedimenti dei de C. al di qua del Giura, e nel 1484 li attribuì a Berna e a Friburgo, che li costituirono - tranne Erlach, divenuto proprietà esclusiva di Berna - in baliaggi comuni. L'ultimo discendente maschio del casato fu Philibert (1530) che, attraverso l'adozione del figlio di sua sorella Claude, Renato di Nassau, trasferì tutti i suoi diritti alla linea ottoniana dei Nassau.

Riferimenti bibliografici

  • F. de Gingins-La-Sarraz, Recherches historiques sur les acquisitions des Sires de Montfaucon et de la Maison de Chalons [sic] dans le Pays-de Vaud, 1857
  • D. Schwennicke (a cura di), Europäische Stammtafeln, n.s., 2, 1984, tav. 59-61
  • LexMA, 2, 1658-1662