de fr it

vonNellenburg

Fam. di conti del IX-XII sec., i cui beni e diritti erano concentrati soprattutto nella Turgovia, nello Zürichgau, nel Klettgau e nell'Hegau. Poiché la fortezza originaria, che diede il nome al casato, è attestata solo dal 1056, prima di quella data i von N. sono detti Eberhardinger, dal nome più diffuso tra i loro membri. Sulla loro origine e sugli inizi della loro genealogia vi sono ancora molti interrogativi. Gli antichi possedimenti della fam. nel Klettgau indicano una relazione con i Gerolde, e forse anche con gli Hunfrid. Il primo esponente fu probabilmente Eberardo, conte dello Zürichgau nell'889 (forse identico a Eberardo, probabile discendente degli Eticoni). La sua presunta figlia, Reginlinde (958), sposata con il duca Burcardo II di Svevia e dopo la morte di quest'ultimo (926) con il suo successore il duca Ermanno I, intrattenne stretti rapporti con il convento di Einsiedeln, di cui i von N. furono balivi fino alla metà dell'XI sec. Il titolo di conte della Turgovia e la carica di balivo imperiale di Zurigo, detenuti ripetutamente dai von N. dopo il 950, e la loro appartenenza alla stretta cerchia reale, dimostrano la notevole importanza della fam. Dopo la perdita dell'avogadria di Einsiedeln (1029), il centro delle sue attività si spostò sempre più nella regione dell'alto Reno. Dopo il 1034 Eberhard (->) fondò una chiesa funeraria per suo padre e i suoi fratelli nel cimitero del convento di Reichenau. Nel 1049 fu inoltre fondatore, con la moglie Ita, del convento di Allerheiligen a Sciaffusa, dove dal 1045 deteneva il diritto di battere moneta. Poiché la fam. durante la lotta delle investiture si schierò in maggioranza a favore del movimento di riforma filopapale (Eggehard, ->), nel 1078 l'imperatore Enrico IV la privò della contea dello Zürichgau e del baliaggio imperiale. I von N. si estinsero nel 1101/02 con Burkhard, figlio di Ita e di Eberhard, i cui principali eredi furono i suoi parenti (forse nipoti) Dietrich von Bürglen e Adalbert von Morisberg. Nel 1170 i conti von Veringen entrarono in possesso della contea di N., adottandone di conseguenza anche il nome. I loro eredi vendettero la contea al duca Sigismondo d'Asburgo nel 1461. Le controversie sugli antichi beni dei von N. furono in parte risolte solo nel XIII sec.

Riferimenti bibliografici

  • K. Hils, Die Grafen von Nellenburg im 11. Jahrhundert, 1967
  • GHS, 4, 179-204 (con genealogia)
  • E. Hlawitschka, Untersuchungen zu den Thronwechseln der ersten Hälfte des 11. Jahrhunderts und zur Adelsgeschichte Süddeutschlands, 1987, spec. 163-168
  • A. Zettler, Die frühen Klosterbauten der Reichenau, 1988, 118-127
  • E. Eugster, Adlige Territorialpolitik in der Ostschweiz, 1991, 22-37, 93-95
  • LexMA, 6, 1087 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF