de fr it

d'Orléans-Longueville

Fam. di principi di origine franc., il cui capostipite fu Jean d'Orléans (1402-1468), figlio illegittimo del duca Louis d'Orléans, fratello del re di Francia Carlo VI. Nel 1443 Jean ricevette dal re la contea di Longueville, situata a sud di Dieppe (Normandia), trasformata in un ducato nel 1505. Louis (1516), abiatico di Jean, sposò nel 1504 Johanna von Hochberg, erede della contea di Neuchâtel. I duchi d'O. ebbero un ruolo di rilievo in Francia in veste di comandanti, consiglieri reali e governatori provinciali e furono solo raramente presenti nei loro possedimenti neocastellani. Il dominio dei d'O. su Neuchâtel fu caratterizzato dal fatto che furono soprattutto le donne a figurare come regnanti. Alla morte di François (1513-1548), figlio di Louis e Johanna, sua moglie, Jacqueline de Rohan, rif. convinta, divenne la tutrice del loro figlio Léonor (1540-1573). Dal 1573 la moglie di Léonor, Maria di Borbone, resse le sorti del principato in nome del figlio Henri I (1568-1595) e dell'abiatico Henri II (->). Alla sua morte nel 1601 la reggenza passò a Caterina Gonzaga, madre di Henri II, fino al raggiungimento della maggiore età del figlio. Il regno di Henri II durò dal 1617 al 1663, il più lungo periodo di reggenza di un membro maschile della fam. Dopo la sua morte nel 1663 i suoi due figli, Jean-Louis-Charles (1646-1694), ritardato mentale, e Charles-Paris (1649-1672), furono posti sotto la tutela della madre, Anne Geneviève di Borbone. Nel 1668 Jean-Louis-Charles dovette rinunciare al trono in favore del fratello minore, che lasciò però l'amministrazione di Neuchâtel alla madre. Charles-Paris morì durante la prima campagna di Luigi XIV contro l'Olanda nel 1672. Marie de Nemours, figlia di prime nozze di Henri II, dopo aspre lotte e diverse peripezie riuscì a difendere i suoi diritti di erede. Dopo la morte di Jean-Louis-Charles divenne, quale ultima esponente del casato, principessa di Neuchâtel. Alla sua morte nel 1707, il ducato di Longueville tornò alla corona franc. e il principato di Neuchâtel al re di Prussia.

Riferimenti bibliografici

  • Hist.NE, 2 (con genealogia)