de fr it

dePont

La fortezza originaria dei signori de P. (com. Pont-en-Ogoz) fu eretta su uno sperone roccioso sovrastante la sponda sinistra della Sarina. Il suo nome deriva dal ponte sul fondovalle (oggi sommerso dalle acque). Le rovine della fortezza, in origine dotata di tre torri, e la cappella di S. Teodulo, situata ai suoi piedi, si trovano su una piccola isola del lago della Gruyère, formatosi nel 1948 in seguito alla costruzione di una diga.

Nel 1105 Pierre, il primo membro attestato della fam., fu testimone nella sala del capitolo di Losanna della donazione della chiesa di Blonay a Robert, abate di Molesme e fondatore di Cîteaux, da parte del vescovo di Losanna Gérold de Faucigny. Ulrich è menz. nel 1136/37 come testimone della fondazione della vicina abbazia premonstratense di Humilimont. I de P. furono grandi benefattori dell'abbazia cistercense di Hauterive - tra l'altro loro luogo di sepoltura (cappella di S. Sebastiano) - sin dalla sua istituzione nel 1138 da parte di Guillaume de Glâne. Tra il 1218 e il 1231 fondarono una città a sud est della loro fortezza. I diritti e le rendite dei de P., in origine liberi da vincoli feudali, non appartennero mai a un solo signore, ma furono suddivisi tra tutti i membri della fam. Nel 1250 Guillaume, Jacques, Pierre e Josselin cedettero i loro allodi al conte Pietro II di Savoia, che glieli restituì in feudo. Entro il 1452 la fam. perse i propri possedimenti. I de P. annoverarono numerosi dignitari ecclesiastici, tra cui Pierre, vescovo di Belley (1240), Jordane e Marguerite, badesse cistercensi a Fraubrunnen (1296-1302) risp. a La Maigrauge (1425-41), Aymon, priore cluniacense a Romainmôtier (1288-1303), a Sankt Alban a Basilea (1304-12) e a S. Vittore a Ginevra (1314) nonché sette canonici del capitolo di Losanna. Gli ultimi rappresentanti della fam. documentati sono i figli di Guillaume (Claude, Jaquemete e Pernette), menz. nel 1463.

Riferimenti bibliografici

  • B. de Vevey, Châteaux et maisons fortes du canton de Fribourg, 1978, 263-273
  • R. Flückiger, Mittelalterliche Gründungsstädte zwischen Freiburg und Greyerz, 1984, 49-71