de fr it

vonTeufen

Importante fam. di baroni della Svizzera e della Germania meridionale, che fa parte, con i von Hohenteufen e i von Tiefenstein, di un gruppo di fam. nobili, ampiamente imparentato, che fino alla metà del XIII sec. portò in alternanza il nome delle proprie fortezze. Il rapporto di parentela con i von T. di Sciaffusa non è però chiaro. Fino al XIII sec. le fonti sono lacunose: un Hugo, menz. nel 1116 nel Württemberg, fece parte nel 1143 della cerchia di re Corrado III. Werner, attestato nel 1220, potrebbe essere il Minnesänger citato nel Codice di Manesse, mentre Kuno, sostenitore dell'imperatore Federico II, soggiornò nell'Italia del sud nel 1222/23 e fu procuratore di Borgogna nel 1235. Nello stesso periodo sotto la pressione di potenti signori territoriali - i conti von Kyburg e alcuni Asburgo -, prese avvio il declino dei von T. Una parte dei vasti e sparsi possedimenti della fam. passò ai conti d'Asburgo (Foresta Nera), un'altra al convento di Rüti e Sankt Katharinental e un'altra ancora alle commende di Hitzkirch e Leuggern. Attorno al 1300 i von T. detenevano ancora l'omonima signoria sull'Irchel. Ita von Wetzikon (dopo il 1299), ultima discendente del casato, dopo essere rimasta vedova entrò nel convento di Töss. Il ramo laterale dei signori von Hohenteufen riuscì, grazie all'appoggio degli Asburgo, a conservare più o meno il proprio rango fino al XIV sec. Con la morte dei fratelli Hugo (prima del 1314) e Gerhard (prima del 1347) nonché delle due figlie di Gerhard, Heilwig e Kunigunde, questa fam. dell'alta nobiltà si estinse a metà del XIV sec. In seguito alla scomparsa di Hugo, le due fortezze di T. (ZH) e i loro diritti feudali passarono quale feudo degli Asburgo alla fam. Zum Thor, di Winterthur, che in seguito riprese anche il nome T.

Riferimenti bibliografici

  • GHS, 2
  • Sablonier, Adel
  • E. Eugster, Adlige Territorialpolitik in der Ostschweiz, 1991, 291-318
  • GKZ, 1, 183 sg., 189 sg.
Scheda informativa
Variante/i
von Alt-Teufen