de fr it

Ernst GeorgJung

27.2.1841 Basilea, 3.12.1912 Winterthur, rif., massone, di Basilea. Figlio di Karl Gustav (->) e di Sophie Frey. 1) (1870) Fanny, figlia di Alois Emanuel Biedermann; 2) (1889) Anna Egg, figlia di Johann, commerciante tessile. Dopo un apprendistato di muratore e spaccapietre presso Christoph Riggenbach a Basilea (1858-61), studiò all'Acc. di architettura di Berlino (1861-63 e 1865). Capocantiere a Berlino e poi a Winterthur (villa Bühler-Egg, progetto di Friedrich Ludwig von Rütte, 1867-69), fu titolare di uno studio a Winterthur (1869-1907, dal 1889 con Otto Bridler). Architetto di riferimento degli industriali della città, costruì ville (Bühlstein, Rychenberg ecc.), edifici pubblici (sede della scuola S. Giorgio), impianti industriali e colonie operaie per la Schweizerische Lokomotiv- und Maschinenfabrik e la Soc. per abitazioni a pigione moderata (tra l'altro a Schöntal, Deutweg, Geiselweid). Considerato il principale esponente dello storicismo a Winterthur, introdusse la villa in stile neogotico inglese e il mattone a vista. In Svizzera fu un pioniere delle colonie operaie. Rivestì numerose cariche, fra cui quella di gran maestro della loggia massonica Alpina (1884-90) e di pres. della Soc. sviz. di belle arti (1899-1905).

Riferimenti bibliografici

  • Aus meinem Leben, 1909
  • G. Brossard, D. Oederlin, Architekturführer Winterthur, 1997
  • Architektenlex., 301 sg.
  • M. Flury-Rova, «E. Jung - Architekt und Freimaurer», in Im Orient von Winterthur, 2004, 78-89
  • M. Flury-Rova, E. Jung, in preparazione
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 27.2.1841 ✝︎ 3.12.1912