de fr it

vonBaden

Fam. di ministeriali, il cui nome deriva dal castello di Badenweiler, in Brisgovia (D), al servizio dei von Zähringen (dal 1130 ca.) e dei conti di Friburgo (dalla metà del XIII sec.). I legami con il capitolo cattedrale di Basilea, già attesati all'inizio del XIII sec., sfociarono in un patto di comborghesia (fine XIV e XV sec.) e nell'accesso al Consiglio. Da questo casato discendono anche Konrad Golin o Goeli, dal 1260 al 1292 decano del capitolo e prevosto di S. Pietro, e suo nipote Diethelm Golin, dal 1285 al 1287 canonico e custode del duomo. Proprietari per qualche tempo della fortezza di Wildenstein presso Bubendorf, nel 1384 i B. la cedettero ai cavalieri dell'ordine teutonico di Beuggen (Rheinfelden, D), ordine cui era affiliato anche un Markwart von B. Heinrich, studente a Bologna nel 1369, signore di Liel (com. Schliengen, D) dal 1398 e cavaliere dal 1403, fece parte del Consiglio di Basilea nel 1414; suo figlio Claus, gentiluomo, è menz. nel 1429 come uno dei contribuenti più ricchi della città. Il figlio di Claus, Johann Heinrich, lasciò Basilea nel 1499 e morì nel 1522 come signore di Liel.

Riferimenti bibliografici

  • G. Schönberg, Finanzverhältnisse der Stadt Basel im 14. und 15. Jahrhundert, 1879, 777
  • W. Merz, Die Burgen des Sisgaus, 2, 1910, 202; 4, 1912, 83
  • HS, I/1 (v. Golin)