de fr it

vonNeuenstein

Fam. basilese di cavalieri attestata dal XII al XVI sec., che nel XII-XIII sec. si autonominò am Kornmarkt. Il primo esponente noto fu l'arcidiacono Dieter, menz. dal 1148 al 1189. Rudolf, cavaliere (cit. tra il 1226 e il 1264), divenne borgomastro di Basilea (1260). Attorno al 1265 la fam. fece parte del partito nobiliare degli Sterner. Alcuni membri adottarono il nome di von N. dall'omonima fortezza situata nel com. di Wahlen, detenuta dal casato dalla fine del XIII sec. Tra questi vi erano Johann (attestato dal 1309 al 1343), maior vescovile a Bienne, e Konrad, che nel 1315 ca. ottenne in feudo la fortezza di N. e la corte (Dinghof) di Breitenbach. La fortezza fu ricostruita dopo i danni provocati dal terremoto del 1356. Nel XIV sec. la fam. disponeva di beni anche in alta Alsazia e nel Giura. Rudolf (menz. tra il 1400 e il 1456) concluse un patto di comborghesia con Soletta nel 1406 e si impadronì della fortezza di Blauenstein (com. Kleinlützel) nel 1410. I von N. furono più volte coinvolti in faide, tra l'altro con Basilea (1411) e con Basilea e Soletta (1438). Nel 1411 i Basilesi distrussero le fortezze di N. - ricostruita nel 1430 ca. e poi ceduta ai signori von Bärenfels nel 1453 - e Blauenstein. Veltin (cit. dal 1453 al 1491) combatté al servizio di Basilea durante le guerre di Borgogna; nel 1483 acquisì la cittadinanza di Soletta. Gli ultimi esponenti della fam. - tra cui Henmann, documentato dal 1488 al 1557 - detenevano in feudo una casa in pietra a Liestal (1488). Imparentati con i von Blauenstein, i von Frick e i von Pfirt, i von N. si estinsero in linea maschile alla fine del XVI sec.

Riferimenti bibliografici

  • A. Daucourt, «Notice sur le château de Neuenstein», in Actes SJE, 1899, 67-88
  • W. Merz, Die Burgen des Sisgaus, 1, 1909 (genealogia nn. 2-3); 2, 1910
  • W. Meyer, Burgen von A bis Z, 1981, 161, 194 sg.

Suggerimento di citazione

Feller-Vest, Veronika: "Neuenstein, von", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 11.08.2008(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/020009/2008-08-11/, consultato il 25.10.2020.