de fr it

Pfaff

Fam. di cavalieri basilesi del XIII-XIV sec., ministeriali del vescovo, residenti nel Pfaffenhof (più tardi Offenburgerhof) sul Petersberg e proprietari di beni nella città di Basilea. Il primo esponente conosciuto fu Heinricus Papho (Clericus), menz. tra il 1226 e il 1280, attestato come cavaliere (1233) e come cavaliere membro del Consiglio (1258). I suoi due fratelli minori, nati probabilmente dal secondo matrimonio del padre, diedero origine ad altri due rami; il primo annoverò tra le sue file il cavaliere Johanns e Wernher (entrambi menz. dal 1319 al 1360), il secondo il cavaliere Hug (menz. 1316-45). Peter fu commendatore dell'ordine teutonico a Mulhouse nel 1293. Verso il 1265 la fam. faceva parte del partito cavalleresco degli Sterner. Nel 1275 Heinrich, i suoi fratelli e i signori von Uffheim risultavano in conflitto con la città di Friburgo in Brisgovia. Nel 1341 Hug lasciò la sua casa sul Petersberg al vescovo Johann Senn von Münsingen, ottenendo in cambio in feudo una fortezza a Liestal. Imparentata con i Vorgassen, i von Uffheim e i Zu Rhein, la fam. è attestata per l'ultima volta con Gözinus, figlio del cavaliere Henmann (menz. 1353-73).

Riferimenti bibliografici

  • W. Merz, Die Burgen des Sisgaus, 2, 1910, 209-211, genealogia n. 13
  • W. Merz, F. Hegi (a cura di), Die Wappenrolle von Zürich, 1930, 187