de fr it

Hetzel von Lindenach

Fam. probabilmente originaria di Kirchlindach, i cui membri fecero parte del Consiglio di Berna dal XIV al XVI sec. H., chiamato von Lindnach, cittadino bernese, attestato quale testimone nel 1345, nel 1356 cedette terre alla confraternita di gerosolimitani di Münchenbuchsee, il cui commendatore era un certo Konrad von Lindenach. Vinzenz (Entzo?), figlio di H., fu membro del Consiglio, mentre suo figlio Kuno fu alfiere (1395), balivo di Nidau (1402) e scoltetto di Burgdorf (1406/07). Dal XV sec. i rappresentanti della fam. assunsero diverse cariche pubbliche: Peter fu membro del Consiglio (dal 1398), alfiere (dal 1402) e responsabile delle costruzioni (1408); suo fratello Ital fu anch'egli membro del Consiglio (dal 1417), più volte alfiere (dal 1420), responsabile delle costruzioni (1427) e tesoriere (1431). Non è chiaro se Peter, balivo di Aarberg nel 1423, corrisponda al Peter cit. nel 1456 quale balivo di Trachselwald. Attestato quale membro del Consiglio (1437), balivo di Laupen (1438) e di Bipp (1444), Ludwig fu più volte alfiere e delegato di Berna (dal 1446), ad esempio nel 1461 alle trattative di pace con il duca Sigismondo d'Asburgo. Suo figlio Kaspar (->), condottiero delle truppe bernesi durante la battaglia di Dornach (1499), fu decapitato dai Solettesi nel 1513 in occasione dell'affare di Köniz. Hans Rudolf, figlio di Kaspar, fu balivo di Erlach dal 1510; deposto nel 1513 per aver guidato una compagnia di mercenari in Francia contro il volere dell'autorità, fu graziato nel 1518 a seguito dell'intercessione del re di Francia. In seguito fu di nuovo messo al bando per essere entrato al servizio del duca Ulrich von Württemberg (1519). Ebbe unicamente figli naturali, tra cui Jakob, che partecipò alla conquista del Paese di Vaud in qualità di capitano e fu il primo balivo del Pays de Gex (1536). Suo fratello Berchtold fu balivo di Payerne (1551).

Riferimenti bibliografici

  • Genealogia presso BBB
  • FDS BE, 1-9
  • FRB, 7-10
  • G. Grosjean, Lindenach 1185 - Kirchlindach 1985, 1985, 79-82
  • R. Gerber, Öffentliches Bauen im mittelalterlichen Bern, 1994, 46 sg.