de fr it

vonBaldegg

Fam. di cavalieri originaria di B., documentata da poco prima del 1199 al 1513, denominata fino al XIII sec. de Lacu o de Se (dal lago di B.), in seguito (e per la prima volta nel 1236) de Baldecke. Verso il 1199 un H. de Lacu è attestato quale ministeriale degli Asburgo. Dal XIII al XV sec. vassalli degli Asburgo, i B. furono al servizio della politica imperiale, ricevendone in cambio feudi e diritti signorili. Alcuni esponenti della fam. stabilirono nel medio Reno legami con l'Austria anteriore (castellania di Ensisheim prima del 1303, pegni, matrimoni). Dalla fine del XIII sec. si legarono in matrimonio con membri di fam. dell'alta nobiltà. I B. beneficiarono così dell'eredità dei von Elgg, casato ormai in via di estinzione (il ramo dei B. di Elgg è attestato dal 1289 ca.) e di quella dei baroni von Aarburg, giacché intorno al 1451 i B. divennero proprietari della signoria di Schenkenberg e ottennero in pegno il baliaggio di Bözberg; questa eredità passò poi agli Asburgo. Dalla fine del XIII sec. fino al 1482 furono proprietari della signoria di Schafisheim; grazie a un matrimonio, dal 1400 al 1411 detennero la metà dei diritti signorili su Ringgenberg. Dopo la guerra di Sempach vendettero la signoria di B., che dopo il 1300 era stata devastata e divisa. Fin verso la metà del XV sec. rimasero al servizio degli Asburgo, occupandosi di attività creditizie, in particolare nella fortezza di Wieladingen (1412-83), a Rheinfelden (1455) e a Eglisau (1463 ca.). Nel 1460 Berna sottrasse loro la signoria di Schenkenberg; ne seguì una lunga faida con Berna e i Conf., che costrinse i B. a rinunciare a vari possedimenti e portò infine al declino della fam.

Alcuni B. furono canonici a Beromünster. Hartmann II (menz. 1256-92) fu al seguito di re Rodolfo e prestò opera di mediazione a favore dell'Impero; fu inoltre balivo imperiale a Basilea (1275-89/91), burgravio a Rheinfelden, governatore dell'Austria anteriore e balivo in Borgogna (1282). Suo figlio Hartmann III (menz. 1264-1330/31) fu ambasciatore degli Asburgo presso la Santa Sede (1324). Markwart VII (menz. 1440-74), finanziatore del duca Sigismondo, ottenne da quest'ultimo importanti pegni: dal 1444 al 1449 ca. il baliaggio di Thann (Alsazia), dal 1455 al 1457 il baliaggio, il castello e la città di Rheinfelden nonché la fortezza di Farnsburg. Suo figlio Johann III, ultimo discendente della fam., membro della Soc. del Pesce e del Falco e della Lega dei cavalieri di S. Giorgio, ereditò tutti i beni dei B.; riattivò la faida per la signoria di Schenkenberg, schierandosi così contro i Conf., fra l'altro durante la guerra di Svevia.

Riferimenti bibliografici

  • T. von Liebenau, Urkundliche Geschichte der Ritter von Baldegg, 1866
  • GHS, 3, 293-308 (con tav. genealogica)
  • A. Bickel, Die Herren von Hallwil im Mittelalter, 1978