de fr it

vonCampell

Fam. di cavalieri della Domigliasca, presumibilmente fondatori della fortezza C. (1200 ca.) e suoi proprietari fino al XIV sec. Nell'inventario di beni del vescovo di Coira compare verso la fine del XIII sec. un Egeno de Campelle. Nel tardo XIV sec. i signori von C. dovevano tuttavia già essere estinti, perchè in una nota nell'inventario di beni del 1389 si fa menz. di possedimenti "che un tempo erano feudi dei von Capell". Nel 1418 Hans e Lorenz ricevettero in feudo ereditario dai baroni von Rhäzüns un podere nella val Safien; ciò sta a indicare che la fam. si mise al servizio dei von Rhäzüns e divenne contadina.

Che derivi dai cavalieri della Domigliasca l'omonima fam. nobile engadinese di Ardez e Susch, attestata in Engadina dal XV sec., come riteneva lo storiografo Ulrich C., è ipotesi non confermata da fonti. Un Gaudentz di tale fam. è attestato a Bivio-Stalla nel 1499 ed è qualificato come ex Landamano; dall'inizio del XVI sec. i C. risultano presenti a Susch (Durisch nel 1510) e a Lavin. Dal ramo di Lavin discesero Ulrich (->), umanista, riformatore e cronista, e Luzius Conradin detto Lüza (1821-1875), capitano nella guerra del Sonderbund, che dal 1860 fu proprietario di un birrificio a Susch e promosse attivamente sia l'allevamento della razza bruna alpina sia la gestione delle foreste. Suo figlio Riet (->) fu il fondatore del Museo engadinese di Sankt Moritz; il suo abiatico Rudolf (1893-1985) fu medico d'alta montagna, alpinista a Pontresina e pres. centrale del Club alpino sviz. (1941-43). Peider Champell (1891-1958), di Ardez, lavorò dal 1936 nella redazione zurighese del foglio socialista Volksrecht come corrispondente musicale e critico d'arte. Promotore del patrimonio canoro rom., nel 1952 compose la musica del Festspiel che commemorava il riscatto della Bassa Engadina dall'Austria.

Riferimenti bibliografici

  • Racc. di doc. 1 presso ASGR
  • P. Schmid-Ammann, Peider Champell, 1958
  • O. Clavadetscher, W. Meyer, Das Burgenbuch von Graubünden, 1984, 134-138
  • Bündner Jahrbuch, 1986, 148
Link
Altri link
e-LIR