de fr it

Capol

La casa costruita da Raget nel 1577 e trasformata in albergo; silografia pubblicata nel Bündner Kalender del 1893 (Fotografia Museo retico, Coira).
La casa costruita da Raget nel 1577 e trasformata in albergo; silografia pubblicata nel Bündner Kalender del 1893 (Fotografia Museo retico, Coira).

Fam. di Flims, passata nel XV sec. dallo status di liberi contadini a membri dell'élite aristocratica della Lega Grigia. La fam. fu probabilmente il soggetto centrale dell'antichissima leggenda di Flims Gion Paul da Flem stai si. Nel 1410 è menz. a Flims un allodio contadino de Capaul. Il primo esponente documentato della fam. è Paul il Giovane, Ammann di Flims nel 1427; nel 1454 Ott Paul il Vecchio era pres. della Lega Grigia. Presumibilmente arricchitasi con il commercio di bestiame, la fam. ebbe tra i suoi esponenti ministeriali e balivi vescovili in Surselva, detentori di cariche locali e di maggiore rilievo nella Lega Grigia, segnatamente con Daniel (->) e Johann Gaudenz (->); dal 1483 i C. portarono il titolo di donzello. Già nel 1458 e nel 1460 rami della fam. risiedevano e avevano possedimenti risp. a Ilanz e a Trun. Hertli (->) acquisì proprietà fondiarie e la carica di balivo nella Lumnezia; nobilitato nel 1489 dall'imperatore, nel 1499 guidò truppe grigionesi nella battaglia della Calven. Comandanti di unità grigioni furono anche Hertli (II), durante la conquista della Valtellina (1512), e Hans (->), nella seconda guerra di Musso (1531). L'agiatezza dei C. dipendeva dal servizio mercenario, al servizio dapprima di Milano e dell'Austria e poi di Francia, Venezia e Olanda (Hercules, ->), dalla politica matrimoniale, che portava introiti provenienti da eredità, e da un'intelligente politica di permute e acquisti. A Coira, ad esempio, Hans acquisì dall'abate di Disentis la metà della casa detta dell'Antistite (1529), Luzi la casa Planaterra (1533). A Rothenbrunnen, nella Domigliasca, intorno al 1546 aveva cospicui possedimenti uno dei principali comandanti della spedizione su Siena, Martin (1554), marito di Sophya Salganser, forse figlia illegittima del conte Jörg von Werdenberg-Sargans. Numerosi rappresentanti della fam., tra cui Hercules (->) e Johann Gaudenz, compirono missioni diplomatiche per le Tre Leghe e parteciparono ad arbitrati. Al servizio del loro com. di origine, Flims, si distinsero Ott, autore della legge successoria del 1457, Wolf (->), fondatore della comunità rif. nel 1528, e Raget, che nel 1574 riscattò ogni decima e censo dell'abbazia di Pfäfers. Diversi esponenti della fam. completarono la loro formazione in Univ. europee, come Caspar (->). I C. furono tra i protettori della minoranza rif. in Surselva e dal XV al XVIII sec. diedero un contributo decisivo alla vita pubblica grigione; a Flims la loro attività è attestata ancora da quattro edifici, fra cui l'attuale Hotel Bellevue (costruito da Raget nel 1577) e lo Schlössli, eretto nel 1682 dal già cit. Johann Gaudenz.

Riferimenti bibliografici

  • Ms. privati Capoliana presso ASGR
  • P. E. Grimm, Die Anfänge der Bündner Aristokratie im 15. und 16. Jahrhundert, 1981, 22-29, 106, 131-133
Link
Altri link
e-LIR
Scheda informativa
Variante/i
Capaul
von Capol