de fr it

Scheck

Fam. nobile del XIII-XVI sec., dotata di beni nella Bassa Engadina e nell'alta Val Venosta, i cui membri furono al servizio dei balivi von Matsch, del vescovo di Coira e dei conti del Tirolo. Verosimilmente discendenti da un ramo dei signori von Ardez, gli S. in origine risiedettero probabilmente nell'omonima località; dal 1238 sono attestati a Laudes (Val Venosta). Si imparentarono con la nobiltà locale della Val Venosta e in seguito, nel XIV e XV sec., più volte con i von Planta. Il primo membro cit. è Ulrich, scolastico del capitolo cattedrale di Trento (1220-62). Burkhard (menz. 1231-59), residente a Laudes, è menz. più volte come testimone, garante e arbitro. Un altro Burkhard, probabilmente figlio di quest'ultimo, era castellano di Tarasp (1288). Nella prima metà del XIV sec. gli S. furono principalmente al servizio dei balivi von Matsch, assumendo in prevalenza incarichi amministrativi. Hertegen (menz. 1304-39), coinvolto nell'assassinio dell'abate di Monte Maria commesso dal balivo Ulrich von Matsch (1304), e Achatius (menz. 1339-56) fornirono prestazioni militari. Quest'ultimo e il fratello Erasmus (menz. 1347-75) assunsero il nome della località di Goldrain (Coldrano, Val Venosta) in cui si erano stabiliti. Georg (menz. 1402-36) possedette la torre di fam. ad Ardez e un'altra a Laudes; nel 1411 ottenne in pegno dal vescovo di Coira Hartmann von Werdenberg-Sargans la fortezza di Steinsberg nella Bassa Engadina. Balthasar, abiatico di Georg, fu giudice e capitano in quanto detentore del pegno di Steinsberg (dal 1485). Imprigionato durante la guerra di Svevia dagli Austriaci, fu assassinato a Merano assieme ad altri ostaggi engadinesi (1499). I suoi figli, ultimi discendenti della fam. in Engadina, vendettero Steinsberg a Hans Planta (1502); il ramo tirolese si estinse nel 1580.

Riferimenti bibliografici

  • O. P. Clavadetscher, W. Meyer, Das Burgenbuch von Graubünden, 1984, 192-195
  • M. Blaas, Dorfbuch Laatsch, 1998, 19-22
  • A.-M. Deplazes-Haefliger, Die Scheck im Engadin und Vinschgau, 2006
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND
VIAF