de fr it

deSessa

Fam. di S., di origine longobarda, attestata nel com. dal XIII sec. con il titolo di Capitanei. Feudataria degli Hohenstaufen, fu investita del castello di S. (dominante il passaggio sul fiume Tresa); nel 1240 l'imperatore Federico II ne rivendicò la proprietà. Gli esponenti del casato, numerosi in origine, costituivano una corporazione di nobili che fu presente, accanto a quella dei vicini, fino alla dominazione sviz. Imparentati con i Capitanei di Locarno (XIV sec.), i de S. possedevano il diritto di patronato sulla cappella di S. Orsola nella chiesa di S. Martino a S. La fam. si diffuse in Lombardia, dando probabilmente origine anche al ramo di Sala (Varese), che figurava nell'elenco dei casati nobili di Milano del 1277. La fam. è documentata per l'ultima volta a S. all'inizio del XVI sec.

Riferimenti bibliografici

  • F. Bertoliatti, Profilo storico di Sessa, 1942
  • A. Lienhard-Riva, Armoriale ticinese, 1945
  • Schaefer, Sottoceneri, 79 sg.