de fr it

Biber (famiglia)

Fam. di cavalieri zurighesi dall'origine incerta. Le sue proprietà fanno supporre un legame con i von Hinderburg di Rapperswil. I B. sono attestati dalla metà del XII sec. a Zurigo, dove dall'inizio del XIV sec. ca. sono proprietari di una torre situata nella Brunngasse. Attorno al 1240 furono ministeriali degli Asburgo. I rapporti di parentela con i von Rapperswil e più tardi con i von Regensberg sono probabili; sicura è invece l'alleanza matrimoniale con i Rümer, fam. di cavalieri della città di Zurigo. Poco dopo il 1300, grazie a legami matrimoniali i B. acquisirono una parte della fortezza argoviese di Ruchenstein (comune di Schinznach), seguendo in questo modo il crescente interesse che la cavalleria cittadina di quest'epoca mostrava verso la campagna. All'inizio del XIV sec., i B. furono seguaci e vassalli degli Asburgo-Laufenburg. La genealogia della fam. per cinque generazioni può essere tuttavia ricostruita solo parzialmente: non è possibile precisare il grado di parentela di due rami del XIV sec. Un certo Wernherus Piber fu il primo rappresentante della fam. (1155). A partire dal 1225, è invece ricostruibile una discendenza regolare dei B.: Johannes, della terza generazione, dal 1285 fece parte del Consiglio di Zurigo e ricoprì la carica di borgomastro dal 1289 al 1291. Suo figlio Heinrich, membro dello stesso Consiglio (1319-51), fu uno dei successori designati di Rudolf Brun quale borgomastro. Kraft, figlio di Heinrich, ne riprese l'eredità politica e sociale (1360 ca.); con lui si estinse nel 1364 un ramo del casato. Rudolf, unico rappresentante noto dell'altro ramo, fu cavaliere e membro del Consiglio di Zurigo dal 1317. Nonostante l'onerosa multa inflittagli nel 1330 dalla città, non sembrò soffrire di difficoltà economiche. In seguito alla rivoluzione delle corporazioni, venne messo al bando e morì durante l'assalto notturno alla città di Zurigo del 23/24.2.1350 (la cosiddetta "notte di sangue" o Mordnacht).

Riferimenti bibliografici

  • Sablonier, Adel, 123-130
  • M. Lassner-Held, Der Zürcher Stadtadel 1330-1400, mem. lic. Zurigo, 1989