de fr it

Truchsessen vonDiessenhofen

Fam. di cavalieri del XIII-XV sec., di D. in Turgovia, ramo dei signori von Hettlingen. La residenza originaria dei D. era la fortezza di Unterhof, cui era legato anche il baliaggio di D. La chiesa era anche luogo di sepoltura. Il primo rappresentante, Heinrich (attestato dal 1241 al 1290), figlio di Heinrich von Hettlingen, si stabilì a D. nel 1247 come siniscalco dei conti von Kyburg. Le relazioni che intrattenne con il monastero di Salem e altri indizi rivelano che prese in moglie un'esponente della nobiltà di Hegau. Estintosi il casato dei von Kyburg nel 1264, la fam. passò al servizio dei loro successori, gli Asburgo. Durante il primo terzo del XIV sec. i D. acquisirono importanza e divennero uno dei principali punti di forza della politica degli Asburgo nella regione. Il figlio di Heinrich, Johannes (menz. dal 1289/94, 1342), marito di Elisabeth von Reinach (1303) e di Katharina, probabilmente von Bonstetten, e padre di Heinrich (->), faceva parte della cerchia più ristretta dei duchi d'Austria. Nel 1318 venne nominato maggiordomo del re Federico il Bello, veste che gli consentì di condurre diverse missioni diplomatiche. La fam. conobbe in questo periodo anche successi economici: in feudo dall'Austra ricevette beni al sud della Germania, a Gailingen (Hegau) e a Neuhausen am Rheinfall, e il baliaggio di Trüllikon. Nel 1330 aveva in pegno importanti territori quali la città e la fortezza di Aach (margraviato del Baden), e la fortezza di Herblingen. I figli di Johannes, Ulrich e Johannes, si divisero l'eredità nel 1342. Difficoltà economiche costrinsero attorno al 1420 gli abiatici di quest'ultimo, Hans Molli (1397-1434) e Hans Bitterli (1392-1439), a liquidare il patrimonio. Verso il 1460, il figlio di Hans Bitterli, Hans Heinrich, impegnò definitivamente l'Unterhof e il baliaggio di D. La fam. è menz. per l'ultima volta nel 1495.

Riferimenti bibliografici

  • R. Wegeli, «Die Truchsessen von Diessenhofen», in ThBeitr., 45, 1905, 5-51; 47, 1907, 124-205; 48, 1908, 4-64
  • MAS TG, 5, 1992
  • A. Baeriswyl, M. Junkes, Der Unterhof in Diessenhofen, 1995