de fr it

vonHottingen

Fam. di cavalieri zurighesi, menz. per la prima volta dalla metà del XII sec. con Arnolfus e Notker, entrambi al seguito dei conti von Lenzburg. Gli H. furono rappresentati nel Consiglio di Zurigo dalla metà del XIII sec. Burkhard II, attestato dal 1250 al 1289, in quanto ministeriale del Fraumünster fu titolare dei diritti di patronato, della curtis e dei beni della curia a Kilchberg (ZH), della dote curiale a Rüschlikon e di beni a Seebach; dai conti von Kyburg ebbe inoltre in feudo la torre di Hottingen, presso la Wasserkirche. Suo figlio, Burkhard III, riuscì a emergere sul piano politico, divenendo membro del Consiglio (1317-34) e scoltetto (1326-31). Johannes, figlio di quest'ultimo, sposò una Mülner, fece parte del Consiglio (1335-55) e fu scoltetto (1354-56). Successore designato del borgomastro Rudolf Brun, Johannes morì nel 1356 quale ultimo esponente maschile della fam., con una solida situazione economica. L'eredità degli H. passò ai von Seon, fam. borghese di origine argoviese.

Riferimenti bibliografici

  • M. Lassner-Held, Der Zürcher Stadtadel 1330-1400, mem. lic. Zurigo, 1989