de fr it

AntonWeissenbach

11.3.1796 (Josef Anton Synesius) Bremgarten (AG), 3.11.1889 Bremgarten, catt., di Bremgarten, dal 1845 di Gisikon. Figlio di Josef Anton, prefetto distr., e di Dorothea Mäschli. Secunda Carolina Forster. Dopo gli studi di diritto a Friburgo in Brisgovia e Heidelberg, divenne avvocato (1820) e notaio (1827). Membro del Gran Consiglio argoviese (1826-31 e 1835-37), si oppose al concordato della diocesi di Basilea (1828). Dal 1835 W. si distanziò dai radicali, respinse la messa sotto tutela dei monasteri e parteggiò per una chiesa libera. Durante la revisione della Costituzione, capeggiò dal 1839 l'opposizione conservatrice del Freiamt. Come membro del comitato direttivo dell'assemblea di Mellingen (1840), fu tra gli estensori della petizione al Gran Consiglio. Nel gennaio del 1841 venne arrestato e, dopo la sua liberazione da parte degli insorti, fuggì a Lucerna. Nel 1844 il tribunale cant. lo condannò a morte in contumacia. Amnistiato, nel 1845 rientrò a Bremgarten, dove presumibilmente fu di nuovo attivo come avvocato.

Riferimenti bibliografici

  • BLAG, 843-845
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Appartenenza familiare
Dati biografici ∗︎ 11.3.1796 ✝︎ 3.11.1889

Suggerimento di citazione

Wohler, Anton: "Weissenbach, Anton", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 05.06.2012(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/020381/2012-06-05/, consultato il 29.09.2020.