de fr it

deSenarclens

Fam. il cui nome trae origine dall'omonimo villaggio vodese. All'inizio del XXI sec. esisteva ancora nei cant. Vaud e Ginevra. I nobili de S. sono menz. dalla fine del XII sec. Nel 1164 Aymon è testimone delle donazioni fatte da Pierre, signore di Prangins e Cossonay, all'abbazia di Bonmont. Vassalli dei signori de Cossonay, i de S. possedettero beni a Cossonay e nei villaggi vicini (S. fino alla fine del XIV sec., Penthalaz, Gollion). Nel XV sec., per via matrimoniale, divennero signori di Grancy e Dully. Negli anni 1530-40 François, signore di Grancy, fece parte della confraternita del Cucchiaio. Per contro, suo figlio Claude (->), che aderì presto alla Riforma, ricevette da Berna l'investitura per le signorie di Perroy e Le Rosey. Fu sotto il regime bernese che i de S. fecero parte delle fam. influenti del Paese di Vaud, come testimoniato dalle alleanze con i d'Allinges, i de Mestral, i de Gingins, o ancora con le fam. del patriziato cittadino di Berna, come i von Wattenwyl e i von Erlach. Grazie a un'efficace politica matrimoniale i de S. entrarono inoltre in possesso di Vufflens-le-Château, Gollion e La Chaux (Cossonay). Diverse acquisizioni permisero loro di estendere la signoria di Grancy e di reintegrare S. nel patrimonio fam. nel 1751. Nel XVIII sec. i de S. si arruolarono al servizio dell'Olanda e della Prussia. All'inizio del XIX sec. un ramo della fam. si stabilì in Assia. Poco presenti sulla scena politica nel XIX e XX sec., ad eccezione di Aymon (->), predilessero le professioni liberali e scientifiche come Arthur (1847-1935), professore di diritto a Losanna poi a Liegi, Gérard (1906-1988), chimico e industriale, e Jacques (->), professore di teol. Andrienne (1912-2006), moglie di Aymon, nota con lo pseudonimo di Andry, fu pittrice e autrice di incisioni.

Riferimenti bibliografici

  • AFam presso ACV
  • L. de Charrière, Les fiefs nobles de la baronnie de Cossonay, 1858, 205-216
  • Schweiz. Geschlechterbuch, 5, 576-582
  • J. de Senarclens, 800 d'histoire de la famille de Senarclens et de sa branche de Grancy, 2004

Suggerimento di citazione

Stubenvoll, Marianne: "Senarclens, de", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 14.02.2018(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/020643/2018-02-14/, consultato il 24.09.2021.