de fr it

Gozpert

910 . È attestato come amministratore e abate laico dell'abbazia di Rheinau (888 -910), restaurata verso la metà del IX sec. da Wolvene, suo parente. Ricoprì la carica di conte sia a Rheinau sia nella signoria territoriale dell'abbazia e dotò l'abbazia di proprietà nel Klettgau, Turgovia e Hegau. Un conte G. (egli stesso o forse un G. più anziano) nell'886 era attivo insieme ad altri magnati quale legato dell'imperatore Carlo III a Winterthur e dopo l'898 fu menz. come conte palatino, probabilmente nel palazzo reale di Bodman presso il lago di Costanza. Apparteneva alla stirpe nobile dei Burchardinger, che poco dopo l'inizio del sec. avrebbe ottenuto il rango ducale. Nel 910 fu ucciso durante l'invasione dell'Alemannia da parte degli Ungari.

Riferimenti bibliografici

  • HS, III/1, 1126
  • M. Borgolte, Die Grafen Alemanniens in merowingischer und karolingischer Zeit, 1986, 138 sg.
Scheda informativa
Dati biografici Prima menzione 888 ✝︎ 910