de fr it

Zellweger

Famiglia attestata dal XV secolo, discendente dai Geppensteiner. Residenti a Gais e Appenzello, quali sostenitori della Riforma negli anni 1580 gli Zellweger si trasferirono nelle Rhoden esterne. Dall'epoca moderna alla metà del XIX secolo influenzarono profondamente la vita politica ed economica di Appenzello Esterno. Fino al 1848 annoverarono otto Landamani e numerosi altri titolari di cariche pubbliche cantonali; fra il 1597 e il 1797 furono rappresentati per 193 anni nel governo di Appenzello Esterno e ricoprirono la carica di Landamano per 74 anni. L'ascesa economica di questa famiglia di osti prese avvio con i fratelli Bartholome e Conrad, che parteciparono all'istituzione di un controllo di qualità per le tele di lino a Trogen. Nel giro di cinque generazioni gli Zellweger riuscirono a raggiungere un grado di agiatezza senza precedenti nell'Appenzello, che fu pure all'origine dello sviluppo economico di Trogen. Il commercio di tele di lino, e più tardi di cotone grezzo e tessuti di cotone, fu alla base della loro impresa tessile di successo, con filiali a Lione, Genova e Barcellona. Grazie a una politica matrimoniale mirata, si imparentarono con le più influenti famiglie di Appenzello Esterno, consolidando così la propria posizione di potere. Nelle loro attività economiche coinvolsero i generi, dando in parte vita alla fondazione di nuove imprese. La supremazia esercitata dalle famiglie Zellweger e Tanner, imparentate fra loro, spinse i loro avversari a coalizzarsi, ciò che sfociò, con il Landhandel del 1732-1734, nella caduta degli Zellweger. La famiglia fu in seguito per anni considerata non eleggibile al governo. Nel 1754 il matrimonio di Jakob suggellò la riconciliazione con i principali rivali appartenenti alla famiglia Wetter. Grazie ai fratelli Conrad (1694-1771), Johannes e Laurenz gli Zellweger ebbero stretti legami con la famiglia di commercianti Sulser ad Azmoos e con le cerchie erudite zurighesi. La famiglia raggiunse la massima affermazione economica nella seconda metà del XVIII secolo con le due aziende dei fratelli Jakob e Johannes. I figli di quest'ultimo, Jacob e Johann Caspar, abbandonarono infine l'attività, benché il secondo si fosse distinto come pioniere dell'industrializzazione nel settore tessile. Alcuni loro discendenti furono attivi anche al di fuori di Trogen e assursero in alcuni casi a notorietà, come i figli del citato Jacob — Jacob, medico e Landamano, Salomon, imprenditore, e Ulrich, fondatore di una banca a Parigi — nonché Alfred, che aprì un'azienda a Uster. I palazzi degli Zellweger e dei loro parenti, costruiti tra il 1747 e il 1810, testimoniano la loro preminenza a Trogen. L'impegno della famiglia nell'ambito dell'istruzione e dei trasporti ebbe effetti durevoli.

Riferimenti bibliografici

  • Archivio commerciale Zellweger presso Staatsarchiv Appenzell Ausserrhoden, Herisau
  • Fondo presso Kantonsbibliothek Appenzell Ausserrhoden, Trogen
  • E.H. Koller, J. Signer, Appenzellisches Wappen- und Geschlechterbuch, 1926, 396-408
  • Schweizerisches Geschlechterbuch, 5, 1933, 752-767
  • Appenzeller Geschichte, 2, 19762 (con genealogia)
  • P. Holderegger, Unternehmer im Appenzellerland, 1992
  • «Bande der Hochachtung und Liebe», catalogo mostra Trogen, 2000
  • H. Fässler, Reise in Schwarz-Weiss, 2005, 41-49
  • U. Pfister, «Der Textilhandel der Familie Zellweger in der zweiten Hälfte des 18. Jahrhunderts», in Europa in der Schweiz, 2013, 25-40
Completato dalla redazione
  • H. Eisenhut, «Wunderlich kommt mir die Baute vor». Der Fünfeckpalast in Trogen und die Familie Zellweger, 2019.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Fuchs, Thomas: "Zellweger", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 05.02.2014(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/020854/2014-02-05/, consultato il 28.10.2020.