de fr it

de SteigerBE, neri

Fam. bernese ancora fiorente all'inizio del XXI sec., il cui capostipite fu Hans (1577), sarto, menz. la prima volta nel 1542 quale cittadino di Berna. Nel suo blasone è raffigurato lo stambecco nero. Dal 1786 adottò talvolta la particella nobiliare "von". La fam., rappresentata al Gran Consiglio dal 1577, nel 1618 entrò nel Piccolo Consiglio con Hans Rudolf (1575-1646). Con i figli di quest'ultimo si divise in due linee: Abraham (1599-1635/1636), membro del Gran Consiglio, diede vita alla linea più antica, appartenente alla corporazione dei sarti ed estinta nel 1848, mentre Emanuel (1615-1670), tesoriere dei baliaggi romandi e membro della corporazione dei conciatori, fondò quella cadetta. Anche grazie alle cariche ricoperte, dal XVII sec. la fam. figurò tra i casati del patriziato cittadino di terza categoria (veste Familien). Entrambe le linee annoverarono numerosi membri del Grande e del Piccolo Consiglio; la linea cadetta contò inoltre un alfiere (Johann Rudolf, ->) e tre scoltetti di Berna (Christoph, ->; Christoph, ->; Niklaus Friedrich, ->). Grazie ai meriti acquisiti dal primo Christoph cit., nel 1714 la fam. fu insignita del titolo baronale dal re di Prussia. Nel XVIII sec. la linea cadetta possedeva la baronia di Montricher e diverse tenute di campagna, tra cui Tschugg, il Weyermannshaus (Steigerhubel) presso Berna (fino al XIX sec.) e Mettlen presso Muri bei Bern. Dopo la rivoluzione liberale del 1831, gli S. si ritirarono dalla vita politica per dedicarsi soprattutto al commercio. I due rami fondati dai figli illegittimi di Johann Rudolf (1735-1787), i cui membri tornarono alla condizione di artigiani, si estinsero nel XIX sec. Nel XIX sec. Rudolf Friedrich (1787-1858) diede vita a due rami trasferitisi in Russia, dove prestarono servizio mercenario, furono attivi come funzionari e si dedicarono al commercio. Johann Rudolf (1805-1864) fu capostipite di un ramo emigrato negli Stati Uniti.

Riferimenti bibliografici

  • Schweiz. Geschlechterbuch, 2, 545-551
  • von Rodt, Genealogien, 5, 96-124
Scheda informativa
Variante/i
von Steiger