de fr it

vonWerdt

Fam. del patriziato cittadino di Berna. Già nella prima metà del XV sec. diversi von W. sono attestati come membri del Gran Consiglio. La genealogia è completa a partire da Hans (1507), menz. dal 1460 come membro del Gran Consiglio. Suo figlio Peter (1550) fu il primo esponente della fam. a entrare nel Piccolo Consiglio (1517). Con gli abiatici di Peter, Lienhard (1531-1587), membro del Piccolo Consiglio, e Peter (1532-1608) e Niklaus (1537-1581), membri del Gran Consiglio, i von W., che facevano parte della corporazione dei conciatori, si divisero in tre linee, continuando a essere ben rappresentati nel governo con numerosi esponenti sia nel Grande sia nel Piccolo Consiglio, tra cui l'alfiere Peter (->). Tuttavia, nella seconda metà del XVI sec., le linee cadette, sempre ancora attive soprattutto nella conceria, vennero nuovamente escluse dal governo e si estinsero, ad eccezione di un ramo emigrato in Germania nel XVIII sec. La linea primogenita si divise nuovamente in tre rami, di cui i due più giovani, pure attivi soprattutto nella lavorazione della pelle, nel XVIII sec. annoverarono alcuni pastori rif. e si estinsero verso la metà del XVIII risp. nella prima metà del XIX sec. Il ramo più vecchio contò altri due alfieri, Abraham (->) e Friedrich (->), che ricoprirono anche la carica di tesoriere per i territori di lingua ted., e numerosi membri del Gran Consiglio. Annoverò anche diversi ufficiali mercenari, tra cui Georg Friedrich (1780-1826), colonnello al servizio dell'Austria. All'inizio del XVII sec. Abraham acquisì inoltre per via matrimoniale la signoria di Toffen, il cui castello restò di proprietà della fam. fino all'inizio del XX sec. Nel XIX e XX sec. i von W. si dedicarono a professioni acc. e contarono diversi ingegneri ferroviari, come il Consigliere nazionale Friedrich Karl Georg (->), e dal 2008 un giudice fed., Nicolas (1959).

Riferimenti bibliografici

  • Schweiz. Geschlechterbuch, 3, 523-534
  • von Rodt, Genealogien, 6, 119-137