de fr it

Schindlerfamiglia, GL

Wiggisser

Fam. del ceto dirigente di Mollis (oggi com. Glarona Nord), che acquisì la cittadinanza di altri com. glaronesi. Discende probabilmente dai Wighus, più tardi Wiggisser, attestati nel XIII e XIV sec. Il nome S. è menz. la prima volta nel 1395. Peter, membro del Consiglio, fu inviato alla Dieta fed. (1416-19). Rudolf Wiggisser detto S. (5.8.1526) fu il primo balivo glaronese nel Rheintal (1502-05), Konrad S. detto Wiggisser fu quattro volte balivo nel Gaster (1538-52) e più volte arbitro in conflitti tra Conf. Balthasar (1636), battelliere, Consigliere e pres. del Tagwen, fu probabilmente uno dei capostipiti degli S. di Mollis. Nel XVIII sec. gli S. figuravano tre le più grandi e ricche fam. del cant. Glarona. Nella prima metà del XIX sec. annoverarono un Landamano con Dietrich (->), figlio di Samuel (->). Nel XVII e XVIII sec., numerosi S. di Mollis furono attivi nel servizio mercenario, alcuni divennero ufficiali. Georg (1744-1823) fondò il ramo olandese della fam. Già nella seconda metà del XVIII sec. e spec. nel XIX sec., alcuni esponenti della fam. furono attivi nell'industria tessile, tra questi i fratelli Abraham (->) e Johann Heinrich (->). Due figli di Johann Heinrich trasformarono l'agenzia di Lisbona in un'azienda autonoma e si stabilirono con i loro discendenti in Portogallo. Alcuni discendenti di Samuel (->) trasferirono le loro attività nel Vorarlberg, come Friedrich Wilhelm (->). Kaspar (->), abiatico di Samuel, fu fabbricante di seta a Zurigo. I figli di Kaspar, Friedrich Martin (->) e Samuel Dietrich (->), abbandonarono il ramo tessile. Nel XIX e XX sec. numerosi S. furono attivi come medici, giuristi o in altre professioni acc. All'inizio del XXI sec., la fam. era ancora ben rappresentata a Mollis.

Riferimenti bibliografici

  • Schweiz. Geschlechterbuch, 1, 507-510; 2, 687-689; 7, 490-513
  • J. Winteler, Aus der Geschichte der Familie Schindler von Mollis, 1936
  • H. R. Stauffacher, Herrschaft und Landsgemeinde, 1989
  • F. Stucki, 50 alte Glarner Familien, 1989