de fr it

von derWeid

Fam. del patriziato cittadino di Friburgo discendente dai Dupasquier. Primo esponente noto è Rodolphe (figlio di Conon), menz. nel 1167 nel cartulario dell'abbazia di Hauterive. Nel 1336 Willermus era castellano di La Tour-de-Trême. Nel XV sec. i Dupasquier sono attestati a Gruyère, Corbières, Maules e Vevey. François, figlio di François menz. a La Tour-de-Trême nel 1482, era notaio a Maules. Jean (1589), un suo discendente, ricevette la cittadinanza di Friburgo nel 1545. Con i figli di quest'ultimo la fam. si divise in due rami, che germanizzarono il nome in von der W. Jean fu il capostipite della linea di Hattenberg (fedecommesso fam. fino al 1934), all'origine in particolare del ramo di Römerswil (1625-1875). Jost, signore di Berlens (proprietà dei von der W. dal 1592 al 1752), di Treyfayes e di Hennens, fondò la linea di Berlens (estintasi nel 1848), dalla quale discese il ramo di Seedorf (estintosi nel 1828). Gli esponenti di quest'ultimo possedettero la signoria omonima (1722-1812). I von der W. si imparentarono con le principali fam. di Friburgo e annoverarono numerosi magistrati. Durante l'ancien régime contarono 15 membri del Piccolo Consiglio, uno scoltetto (Jean-Henri, ->), tre borgomastri (tra cui Jean-Rodolphe, ->) e un cancelliere (Nicolas, ->). Nel XIX e XX sec. Alfred (->) fu Consigliere nazionale e Marcel (->) Consigliere di Stato. Diversi W. furono ecclesiastici, come Anton (->). Altri furono attivi nel servizio mercenario, come Pierre (->), Joseph (->) e Charles-Emmanuel (->). Nel XX sec. si distinsero spec. Henri (1893-1967) e Paul (1898-1982). Il primo, colonnello di cavalleria e comandante del deposito fed. dei cavalli dell'esercito a Berna (1942-54), vinse numerosi premi nell'ambito di concorsi ippici intern. Il secondo fu parroco di Friburgo (dal 1925) e preposito della cattedrale di S. Nicola (dal 1962).

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso AEF
  • N. von der Weid, Généalogie von der Weid avec les alliés des dernières générations, 2001
Scheda informativa
Variante/i
Vonderweid