de fr it

Jean-Antoine deCourten

17.12.1631 Sierre, 26.2.1701 Sierre, catt., di Sierre e, dal 1658, di Leuk. Figlio di Etienne, capitano del reggimento de Preux (al servizio della Francia) e balivo (gouverneur) di Saint-Maurice, e di Christine de Preux. Abiatico di Angelin de Preux. 1) (1658) Anne-Catherine de Werra (1696), figlia di Mathieu, balivo (gouverneur) di Leuk; 2) Marguerite de Chastonay, figlia di Pierre. Nel 1647-48 ricevette un'educazione da giovane nobile a Parigi. Dapprima C. fu capitano al servizio del Piemonte nel reggimento della Croix-Blanche (1648), poi entrò al servizio della Francia con una semicompagnia reclutata nel Vallese (licenziata nel 1659). Accusato di aver coniato monete false tra il 1661 e il 1662, riprese probabilmente servizio in Francia e ritornò nel Vallese solo dopo il 1673. Nemico del gran balivo Kaspar Stockalper vom Thurm, reo secondo lui di privilegiare le decanie superiori, nel 1678 C. contribuì alla sua caduta e nel 1680 assunse il comando delle truppe reclutate per impedire un'incursione dei suoi partigiani (guerra dei Ringli, dal nome delle pagnotte a forma di anello distribuite alle truppe). Ebbe pure cattivi rapporti con il vescovo Adrian V von Riedmatten. Dopo la caduta di Stockalper, C. divenne balivo (gouverneur) di Monthey (1679-81), grancastellano di Sierre (1682-84), alfiere della decania di Sierre (1684) e gran balivo (1687-89).

Riferimenti bibliografici

  • von Roten, Landeshauptmänner, 375-384
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF