de fr it

Hans FriedrichIm Thurn

Hans Friedrich Im Thurn, ritratto da un artista sconosciuto. Olio su tela (89 x 74cm), 1678 (Museum zu Allerheiligen, Sciaffusa, Inv. A 113; fotografia Jürg Fausch).
Hans Friedrich Im Thurn, ritratto da un artista sconosciuto. Olio su tela (89 x 74cm), 1678 (Museum zu Allerheiligen, Sciaffusa, Inv. A 113; fotografia Jürg Fausch). […]

10.12.1610 Sciaffusa, 20.8.1681 Sciaffusa, riformato, di Sciaffusa. Figlio di Hans Im Thurn e di Barbara Peyer. (1631) Elisabeth Ringk von Wildenberg, figlia di Diethegen Ringk von Wildenberg, giudice. Dal 1636 al 1642 Hans Friedrich Im Thurn fu balivo di Neunkirch, probabilmente grazie all'appoggio del padre. Membro del Gran Consiglio sciaffusano quale rappresentante della corporazione Obere Gesellschaft zun Herren, dimostrò una forte personalità. Sfruttò più volte la propria posizione per denunciare irregolarità nella città-Stato di Sciaffusa e attaccare i principali uomini politici. All'origine delle sue azioni potrebbero esserci state tuttavia divergenze tra gli Im Thurn e altre famiglie dell'élite sciaffusana, oltre che gli scontri sulla signoria giurisdizionale di Thayngen. Im Thurn si impegnò in particolare contro le imposte patrimoniali a Sciaffusa, riscosse annualmente dal XIV secolo, e contro il dissesto delle finanze cittadine. Il ceto dirigente di Sciaffusa tentò ripetutamente di ridurlo al silenzio colpendolo con sanzioni. Malgrado ciò, nel 1681 fu eletto al Piccolo Consiglio. Im Thurn è considerato uno dei personaggi politici di maggiore rilievo nella Sciaffusa della prima epoca moderna.

Riferimenti bibliografici

  • Schmuki, Karl: Steuern und Staatsfinanzen. Die bürgerliche Vermögenssteuer in Schaffhausen im 16. und 17. Jahrhundert, 1988, specialmente pp. 336-339, 344-348.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Appartenenza familiare
Dati biografici ∗︎ 10.12.1610 ✝︎ 20.8.1681

Suggerimento di citazione

Landolt, Oliver: "Im Thurn, Hans Friedrich", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 02.07.2020(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/021717/2020-07-02/, consultato il 23.04.2021.