de fr it

Guicciardi

Fam. di Teglio e Ponte in Valtellina i cui membri erano eleggibili al Consiglio. Attestata dal XII sec., la fam. occupava importanti cariche, come quella di cancelliere della Valtellina, e grazie alla sua politica matrimoniale era legata alle più importanti fam. nobili della valle. Andrea (1476-1552) fu rettore dell'Univ. veneziana di Padova (verso il 1498), e così anche suo figlio Nicolò. Quest'ultimo diede origine a Teglio al ramo rif. della fam., alla quale le Tre Leghe affidarono l'amministrazione della prepositura di Teglio (1555). Nel Sacro Macello (1620) la fam. venne decimata e costretta a emigrare. Nel 1620 il capitano Giovanni fu insieme a Giacomo Robustelli uno dei capi della rivolta valtellinese. Costui fece anche costruire la villa detta La Guicciarda. Alcuni G. si affermarono come giuristi, ecclesiastici e politici. Nel 1797 Diego (->) promosse la separazione della Valtellina dalle Tre Leghe e nel 1815, al congresso di Vienna, ne chiese l'annessione alla Lombardia.

Riferimenti bibliografici

  • L. Cerioni, «L'archivio privato di una famiglia valtellinese e la storia delle famiglie Paini e Guicciardi», in Boll. della società storica valtellinese, 20, 1967, 5-45
Link
Altri link
e-LIR