de fr it

Louis-AiméGrosclaude

26.9.1784 Le Locle, 11.12.1869 Parigi, rif., di Le Locle. Figlio di Abraham Louis, incisore nel ramo orologiero, e di Henriette Mathey. (1824) Jeanne Pernette Jourdan, pittrice, figlia di Jean Martin, negoziante. Si formò a Ginevra presso un pittore olandese (1803-05), poi a Parigi presso Jean-Baptiste Regnault (1805-07). Ritornato a Ginevra, acquisì notorietà quale ritrattista, sebbene dipingesse anche opere di genere e, più raramente, di storia. Eletto membro dell'Acc. di Berlino nel 1826, dal 1827 espose al Salone a Parigi, dove si stabilì nel 1835. Nel 1842, il suo dipinto Marino Faliero, doge di Venezia, un'opera di grandi dimensioni, ottenne un considerevole successo a Neuchâtel, tanto che un ricco privato lo donò al museo di belle arti della città. Autore di ritratti alla moda realizzati con perizia tecnica e di opere di genere rispettose della morale, G. godette in vita di una certa considerazione, che si trasformò presto in indifferenza dopo la sua morte.

Riferimenti bibliografici

  • DBAS, 433 sg.
Link
Altri link
SIKART
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 26.9.1784 ✝︎ 11.12.1869