de fr it

Colin de Valoreille

Fam. di Pontarlier (Franca Contea), nobilitata nel 1535 con Henri Colin, vicepres. del parlamento di Dole. I suoi figli furono all'origine dei rami detti d'Arçon, di Chaffois e di Montigny; il loro ultimo discendente morì nel 1889. Uno dei figli di Henri, François (prima del 1599), scudiero, capitano e castellano di Pontarlier, divenne signore di Valoreille grazie al matrimonio con Antoinette-Jacque de Cœuve (1560). Tre dei suoi pronipoti fecero carriera nel vescovado di Basilea: Ignace-Louis fu decano di Delémont (1730); Pierre-Joseph (1736) fu consigliere aulico, capocaccia e vicepres. della Camera delle finanze; Guillaume (1744 a Delémont) visse ad Alle, dove nel 1688 acquistò il castello che rimase proprietà della fam. fino al 1793. Dei dieci figli di Guillaume, cinque fecero carriera religiosa; tra loro, Ignace-Louis (1702-1769), che succedette a suo zio come curato di Delémont. Jean-Baptiste (->) prese servizio alla corte di Porrentruy e Alexis-Guido presso quella del margravio di Baden-Baden. Nessuno di loro ebbe discendenti.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo Colin de Valoreille presso AAEB
  • R. Genevoy, «Une famille franc-comtoise dans l'ancien Evêché de Bâle», in Actes SJE, 1962, 151-170
  • J.-M. Thiébaud, Titres de famille et de noblesse des Colin de Valoreille, 1982
  • Dictionnaire des communes du département du Doubs, 6, 1987, 3243-3248