de fr it

Walter KurtWiemken

Manifesto della retrospettiva dedicata all'artista alla Kunsthalle di Berna nel 1962 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).
Manifesto della retrospettiva dedicata all'artista alla Kunsthalle di Berna nel 1962 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste). […]

14.9.1907 Basilea, tra il 28.12.1940 e il 23.1.1941 Castel San Pietro, probabilmente prot., di Basilea. Figlio di Heinrich, litografo, e di Rosa Friederike Magdalena Albrecht. Celibe. W. soffrì tutta la vita delle conseguenze di una poliomielite contratta da neonato. Dopo la scuola di arti e mestieri di Basilea (1923-27), frequentò per un semestre la scuola superiore di arti applicate a Monaco di Baviera (1927). Intrattenne relazioni con il sodalizio artistico Das Neue Leben. Soggiornò a Parigi con gli amici Otto Abt e Walter Bodmer (1903-1973) e compì lunghi viaggi in Francia (1927-30). Dipinse paesaggi idilliaci a Collioure (Francia meridionale) e in Ticino. W., che viveva e lavorava nella casa dei genitori, dal 1928 partecipò regolarmente all'esposizione annuale degli artisti basilesi e a concorsi indetti dal credito statale per l'arte di Basilea Città. Dal 1930 si occupò vieppiù di contrasti sociali. Fu tra i cofondatori del Gruppo 33 (1933). Progettò il suo primo grande dipinto Alles in Allem e nel 1934 ricevette con Abt la borsa della Fondazione basilese Albert Friedrich His. Affetto da fobia della guerra, realizzò le sue opere principali con la tecnica del montaggio surrealista. Nel 1936, nell'aula magna della scuola Gottfried Keller a Basilea, eseguì l'unico dipinto commissionatogli dal fondo culturale basilese. Durante un soggiorno a Castel San Pietro alla fine del 1940, non rientrò più da una passeggiata e venne ritrovato morto alcune settimane più tardi nelle gole della Breggia. Nel 1941 venne organizzata a Basilea una grande esposizione in sua memoria. Attraverso la resa spietata dell'atmosfera del suo tempo, l'opera di W. apporta un contributo centrale all'arte sviz. del periodo interbellico.

Riferimenti bibliografici

  • DBAS, 1124 sg.
  • W. K. Wiemken, cat. mostra Zugo, Mendrisio, 2002
Link
Altri link
SIKART
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 14.9.1907 ✝︎ zwischen 28.12.1940 und 23.1.1941