de fr it

FritzBaumann

3.5.1886 Basilea, 9.10.1942 Basilea, di Basilea. Figlio di Ludwig Cäsar. 1) (1909) Anna Maria Rickenbacher; 2) (1915) Emma Ziswyler. Dal 1904 al 1908 compì un apprendistato di pittore decoratore e frequentò la scuola di arti e mestieri a Basilea; dal 1908 al 1909 studiò all'Acc. di Monaco. Nel 1910 trascorse l'estate da Ferdinand Hodler, alla Schynige Platte; dal 1909 al 1913 passò i mesi invernali a Parigi. A Berlino (1913-14) fece parte del gruppo Sturm. Dal 1915 insegnò alla scuola professionale femminile e alla scuola di arti applicate a Basilea. Cofondatore dell'ass. artistica Das Neue Leben (1918), redasse un manifesto per l'abolizione delle differenze fra arte e arte applicata. Eseguì caricature, illustrazioni per libri, lavori con tessili e ceramiche; si occupò inoltre di teatro delle marionette. Influenzato sul piano artistico da Arnold Böcklin, Giovanni Segantini e Hodler, a Parigi studiò le opere dei cubisti e di Henri Rousseau, alla ricerca di un'arte popolare accessibile a tutti. Verso la metà degli anni '20 fu colpito da una grave crisi interiore che nel 1942 lo portò al suicidio.

Riferimenti bibliografici

  • DBAS, 83 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 3.5.1886 ✝︎ 9.10.1942

Suggerimento di citazione

Bhattacharya, Tapan: "Baumann, Fritz", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 08.06.2002(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/022144/2002-06-08/, consultato il 16.05.2021.