de fr it

CarlBurckhardt

13.1.1878 Lindau, 24.12.1923 Ligornetto, rif., di Basilea. Figlio di Abel, pastore rif. Fratello di Paul, pittore. (1905) Sophia Hipp, pittrice. Dopo la maturità a Basilea (1896), frequentò con Heinrich Altherr la scuola di pittura di Heinrich Knirr a Monaco. Nel 1899 si recò a Roma, dove si dedicò alla scultura. Di nuovo a Roma nel 1901-04, avviò un grande progetto scultoreo rimasto incompiuto, Zeus e Amore. Nel 1903-04 dipinse marine e quadri di pescatori; nel 1905-10 realizzò a Forte dei Marmi (Toscana) una delle sue opere principali, una Venere policroma in marmo più grande del naturale (Kunsthaus, Zurigo). Grazie alla mediazione di Karl Moser, nel 1904 eseguì un rilievo per la chiesa di S. Paolo a Basilea. Realizzò inoltre le metope per la nuova sede del Kunsthaus di Zurigo (1910-14) e le personificazioni del Reno e della Wiese per le fontane antistanti alla stazione del Baden a Basilea (1914-21). Trasferitosi a Ligornetto nel 1920, strinse amicizia con Albert Müller. Nel 1923 scolpì la statua equestre di S. Giorgio per la scala del Kohlenberg a Basilea. Rinunciando ai particolari e sottolineando le proporzioni di base, B. ottenne forme plastiche chiaramente definite, più tardi tendenti all'astrazione volumetrica.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso StABS
  • C. Burckhardt, 1878-1923, cat. mostra Basilea, 1978
  • AH, 7
  • DBAS, 176 sg.
Link
Altri link
SIKART
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 13.1.1878 ✝︎ 24.12.1923