de fr it

Hory

Fam. di magistrati di Neuchâtel che esercitò un notevole influsso nel XVI e XVII sec. Il primo esponente noto è Blaise, notaio a Neuchâtel dal 1485 al 1505. Suo figlio Blaise, anch'egli notaio, fu nobilitato dalla contessa Johanna von Hochberg. Guillaume (->), membro della generazione successiva, ricevette le lettere di nobiltà. Jonas (->), la cui figlia Barbe sposò un membro della fam. Bondeli, fu probabilmente l'ultimo discendente maschile del ramo nobilitato e l'ultimo esponente di una dinastia di Consiglieri di Stato o di notabili locali, di cui fecero parte anche Daniel (->), fratello del poeta Blaise (->), e Jean (->). Gli H. consolidarono la loro posizione di forza legandosi in matrimonio ad altre fam. presenti nel Consiglio di Stato (Girardin o Chambrier, Verdonnet, Tribolet, Sandoz, Chevalier). Nel XVIII sec. alcuni H. divennero pastori. L'ultimo rappresentante della fam., Guillaume, pastore a Basilea, morì nel 1820.

Riferimenti bibliografici

  • AA. VV., Histoire du Conseil d'Etat neuchâtelois, 1987, 24-27, 87

Suggerimento di citazione

Volorio Perriard, Myriam: "Hory", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 12.09.2006(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/022378/2006-09-12/, consultato il 22.10.2020.