de fr it

Huguenin

Il patronimico H., forma diminutiva del nome di battesimo Hugues, è portato dal XV sec. da varie fam. neocastellane originarie di Le Locle, La Chaux-de-Fonds, La Brévine, La Chaux-du-Milieu, Coffrane o Les Verrières, spesso in combinazione con un altro nome (matronimico, toponimo, nome di battesimo, soprannome). È possibile distinguere non meno di 20 rami della fam., tra cui gli H.-Benjamin, H.-Bergenat, H.-d'Hostaux o Dothaux o Dezot, H.-Dumittan, H.-Elie, H.-Jacot, H.-Lenoir, H.-Richard, H.-Tenet o Thenet, H.-Virchaux, H.-Vuillemin. Il ramo più importante sembra essere quello di Le Locle, il cui capostipite, Othenin, menz. nel 1463, ebbe quattro figli, ammessi alla cittadinanza di Valangin nel 1502: Othenin, Jehan, Huguenin e Jaquet. Alcuni H. compirono una carriera ecclesiastica o politica, tra cui David, pastore rif. (1641-74) e cappellano di un reggimento sviz. al servizio dell'Olanda, Claude-François (1657-1720), Consigliere di Stato dal 1709, David (1766), Consigliere e cancelliere di Stato nel 1750, Eugène (1814-1893), protagonista della rivoluzione neocastellana del 1848, pres. del Gran Consiglio e giudice di pace, e Lucien (->). Altri membri della fam. si distinsero nell'industria orologiera, come Louis-Frédéric (1713-1758), orologiaio del re di Prussia, David-Guillaume (->) e Fritz (->); Fritz (->) e Albert fondarono una dinastia di medaglisti. La fam. annovera anche alcuni artisti: Fritz H.-Lassauguette (1842-1926) e suo figlio Paul H.-Virchaux (1870-1919), entrambi pittori e disegnatori, Oscar (->), Adèle H.-Vuillemin, detta T. Combe, Charles H.-Dumittan (1870-1939), violinista, compositore, maestro di cappella, specialista di musica religiosa prot., e André H.-Dumittan (1888-1975), scultore. Vanno inoltre cit. anche Jean-Jacques (->), Edouard, detto H. Pacha (->), e Bélisaire H.-Dumittan (1876-1940), professore di medicina veterinaria all'Univ. di Berna, ed Elisabeth (->). Numerosi esponenti della fam. sono emigrati nei Paesi Bassi, negli Stati Uniti e in Inghilterra, dove hanno fondato nuovi rami.

Riferimenti bibliografici

  • P.-A. Borel, «Famille Huguenin-Virchaux», in JbSGF, 1998, 103-112
  • X. Pasche, Chroniques et armoiries Huguenin collectées et armoiries d'alliance Gilliéron, 2000