de fr it

PaulMathey

16.2.1891 Auvernier, 24.9.1972 Ginevra, rif., di Le Locle. Figlio di Charles e di Elisa Beaujon. (1931) Claire-Lise Monnier. Rimasto orfano nel 1905, fu cresciuto dallo zio materno Luis M., commerciante a New York. Frequentò la scuola di belle arti di Ginevra (1910-16), poi fu assistente (massier) di Ferdinand Hodler (1916-17). Nel 1917 aprì un atelier di pittura a Ginevra. Nel 1922 si trasferì a Peney e nel 1946 a Cartigny. Su impulso della moglie, compì soggiorni a Roma, Ostenda, Londra, Anversa e spec. a Parigi e Venezia. Dal 1918 fece parte della Soc. pittori, scultori e architetti sviz. (fino al 1967 partecipò a tutte le sue esposizioni) e dal 1954 al 1961 fu membro della Fondazione Gottfried Keller. Nel 1963 gli fu conferito il premio della città di Ginevra. Pittore di paesaggi e nature morte, raffigurò la campagna ginevrina e le sue metamorfosi sul filo delle stagioni.

Riferimenti bibliografici

  • KLS, 2, 615 sg.
  • Rétrospective P. Mathey (1891-1972), cat. mostra Ginevra, 1984
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 16.2.1891 ✝︎ 24.9.1972

Suggerimento di citazione

Carey, Edith: "Mathey, Paul", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 31.03.2008(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/022513/2008-03-31/, consultato il 04.12.2020.