de fr it

Jean-PaulMilliet

6.3.1844 Le Mans (Loira), 8.1.1918 Parigi, cittadino franc. Pittore di soggetti storici e decoratore, archeologo e scrittore, dopo il colpo di Stato del 1851 si rifugiò con il padre Félix, seguace di Charles Fourier, a Ginevra, dove fu allievo di Jean-Léonard Lugardon. Tornato in Francia nel 1863, a Parigi divenne collaboratore di Charles Gleyre. Compì diversi viaggi in Italia (1866-69), soggiornandovi dal 1872 al 1879. Abbellì il soffitto del grande foyer del Grand Théâtre di Ginevra con un'allegoria dell'opera lirica; in seguito realizzò numerose pitture decorative per edifici pubblici di varie città franc. (Parigi, Reims, Rouen). Alla città di Ginevra lasciò un fondo per l'acquisto di calchi di statue celebri per la creazione di un museo pubblico di sculture.

Riferimenti bibliografici

  • Vases antiques des collections de la Ville de Genève, 1892
  • SKL, 4, 566
  • N. Doublier, (J.-)P. Milliet (1844-1918), mem. lic. Ginevra, 2000
Link
Controllo di autorità
GND
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 6.3.1844 ✝︎ 8.1.1918

Suggerimento di citazione

Oberli, Matthias: "Milliet, Jean-Paul", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 23.06.2011(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/022530/2011-06-23/, consultato il 01.12.2020.