de fr it

Jean-BloéNiestlé

16.8.1884 (Jean Alfred) Neuchâtel, 2.2.1942 Antony (oggi Parigi), rif., di La Chaux-de-Fonds. Figlio di Gustave-Adolphe, stampatore e comproprietario della casa editrice Delachaux & Niestlé, e di Virginie Favre. (1913) Marguerite Legros, di Dieppe. Dopo la maturità a Neuchâtel, iniziò una formazione artistica a Norimberga (1903). In seguito studiò pittura alla scuola di belle arti a Monaco (1904), abitando in campagna insieme a Charles-Clos Olsommer, suo amico di gioventù e di studi. Pittore animalista a olio, si confrontò con il comportamento degli animali nel loro ambiente naturale. A Monaco strinse amicizia con Franz Marc e nel 1911 partecipò alla prima mostra del gruppo di artisti Der Blaue Reiter. Attorno al 1916 passò a un'astrazione illustrativa e decorativa dei soggetti animali, da vedere forse in relazione con la morte di Franz Marc in guerra. Colpito da paralisi, dal 1919 fu limitato parzialmente, poi completamente (dal 1923) nell'attività pittorica. Le opere di N. si trovano nel Museo d'arte e di storia a Neuchâtel e nei Kunstmuseum di Winterthur e Berna.

Riferimenti bibliografici

  • J.-B. Niestlé, 1884-1942, cat. mostra Neuchâtel, 1997 (con bibl.)
  • DBAS, 782 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 16.8.1884 ✝︎ 2.2.1942

Suggerimento di citazione

Christoph von Tavel, Hans: "Niestlé, Jean-Bloé", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 16.01.2009(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/022552/2009-01-16/, consultato il 20.10.2020.