de fr it

vonBayer

Fra le fam. attive a Rorschach nel commercio di tele di lino, quella dei B. fu la più grande e di maggiore successo. Capostipite fu Wendelin (1563), forse originario di Biberach (D), menz. nel 1514 a Rorschach quale sarto; l'impresa commerciale della fam. fu fondata da Franz nel 1621. Attorno al 1650 la fam. si divise in due rami, uno maggiore (il cosiddetto oberes Haus) e uno cadetto (l'unteres Haus). La sua ampia rete di esportazione commerciale verso l'area mediterranea faceva riferimento soprattutto ai porti di Genova e di Venezia. Nel corso del XVIII sec. i B., elevati al rango di nobili dall'imperatore Carlo VI nel 1717, costituivano a Rorschach una sorta di patriziato del commercio e di aristocrazia di funzionari: diversi loro esponenti ricoprirono cariche ecclesiastiche e secolari del principato abbaziale di San Gallo e dei principati vescovili di Costanza e Coira; furono inoltre ufficiali al servizio straniero. Spesso creditrice nei confronti dei principi abati, nel 1770-71 la fam. fornì grano di provenienza it. al principato abbaziale; a Rorschach diede vita a diverse fondazioni. Il ramo cadetto si estinse nel 1778; nel XIX e XX sec. alcuni rami si stabilirono nell'Italia del nord, nella Germania meridionale e negli Stati Uniti. L'ultimo discendente in linea maschile della fam. morì nel 1931.

Riferimenti bibliografici

  • R. Grünberger, «Die Rorschacher Kaufmannsfamilie von Bayer», in Rorschacher Neujahrsblatt, 62, 1972, 9-47 (con tav. genealogiche)