de fr it

Zollikofer

Fam. di commercianti sangallese, originaria di Costanza. Nella prima metà del XV sec. i fratelli Hans (1395-1471) e Jobst (1398-1476) acquisirono la cittadinanza di San Gallo. Gli Z. si arricchirono grazie al commercio di tele di lino ed entrarono a far parte dell'élite cittadina. Fino al 1750 ca. numerosi esponenti furono grandi commercianti attivi nel commercio a lunga distanza e fecero parte della Soc. Notenstein. Tra questi ultimi, alcuni si stabilirono tra l'altro a Lione e Marsiglia. Altri Z. assunsero cariche politiche. Conclusero alleanze matrimoniali soprattutto con altre influenti fam. di commercianti sangallesi come i von Watt e gli Zili. I figli di Hans, Sebastian (1444-1502), capostipite della linea nera, i cui discendenti si chiamarono Z. von Nengensberg, e Ludwig (->), capostipite della linea rossa, fondarono la soc. commerciale Zollikofer. Dopo che la fam. aveva ottenuto un blasone dall'imperatore Federico III (1471), l'imperatore Rodolfo II nobilitò gli esponenti della linea rossa (1578) e quelli della linea nera (1594). Leonhart (->), abiatico di Ludwig, nel 1564 acquistò la residenza di campagna Pfauenmoos (com. Berg, SG) e nel 1585 il castello e la signoria di Altenklingen. Grazie a un fedecommesso fondato nel 1586, il castello di Altenklingen era proprietà della fam. ancora all'inizio del XXI sec. A partire da Leonhart e dai suoi fratelli Laurenz (1519-1577), Georg (1525-1600) e Jos (1535-1617) gli Z. si divisero nei rami denominati von Altenklingen e von Sonnenberg. Dopo la metà del XVII sec. tra i discendenti di Georg numerosi si distinsero come militari in Prussia. Nel XVIII sec. nuovi rami si formarono in America. Joachim (->), figlio di Laurenz, nel 1613 divenne borgomastro della città di San Gallo, come Julius Hieronymus (->, 1783). Gli Z. contarono anche ecclesiastici, tra cui Georg Joachim (->), e medici, come Caspar Tobias (->). Dopo il declino del commercio di tele di lino, dal 1750 diversi Z. si dedicarono all'artigianato. Nel 1789 Johannes (->) fondò una tipografia a San Gallo, che dal 1841 pubblicò il Tagblatt der Stadt St. Gallen und der Kantone St. Gallen, Appenzell und Thurgau. Julius Hieronymus (->) fu Consigliere di Stato sangallese dal 1803, Ludwig Arnold (->) dal 1873 al 1906. Attraverso donazioni la fam. sostenne in particolare l'istruzione pubblica a San Gallo.

Riferimenti bibliografici

  • ACit San Gallo
  • AFam presso StATG
  • Schweiz. Geschlechterbuch, 5, 772-801
  • M.-H. Kesselring-Zollikofer, C. L. Zollikofer, Das Fideikommiss der Zollikofer von Altenklingen, 2010

Suggerimento di citazione

Krauer, Rezia: "Zollikofer", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 24.02.2014(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/022830/2014-02-24/, consultato il 01.11.2020.