de fr it

Grimm

Fam. appartenente al patriziato cittadino di Soletta. Rudolf, pellicciaio proveniente da Zurigo, ottenne nel 1524 la cittadinanza di Soletta, dove divenne presto un uomo rispettato. Suo figlio Ludwig (1602) raggiunse già la seconda carica della città, quella di alfiere. Da allora e fino al 1821 i G. sedettero nel Piccolo Consiglio. Furono capitani al servizio della Francia, osti della locanda Krone e commercianti di sale. Con Urs (->), arricchitosi grazie a tale commercio e nobilitato nel 1647, la fam. entrò definitivamente a far parte del patriziato. Fu tuttavia solo a cavallo del XVIII e XIX sec. che Karl Josef Fidel (-> ) e Heinrich Daniel Balthasar (->), tra loro imparentati, raggiunsero la carica di scoltetto. Nel 1676 i G. edificarono la loro imponente residenza estiva (oggi sede vescovile) e acquisirono vasti poderi e alpeggi nel Giura. Un ramo acquistò nel 1750 il feudo ereditario di Wartenfels sopra Lostorf adottandone il nome. La fam. si estinse nel 1856.

Riferimenti bibliografici

  • SolGesch., 2-3
  • E. Meyer, «Die Grimm von Solothurn», in JbSolG, 58, 1985, 4-71 (con tav. genealogica)