de fr it

Betschart

Antica famiglia di Svitto, suddivisa in tre linee appartenenti alle tre antiche circoscrizioni dell'Altviertel, di Nidwässer e Muotathal. Di origine contadina, è attestata per la prima volta con Heinrich e Töni (1386 presso Sempach). Diversi Betschart della circoscrizione di Muotathal fecero parte del Consiglio di Svitto e furono presidenti (Siebner) della loro circoscrizione. A questa circoscrizione appartennero anche i progenitori dei Bettschart, il ramo insediatosi dalla metà del XIX secolo a Einsiedeln. I Betschart dell'Altviertel raggiunsero le cariche cantonali più alte e tra il 1676 e il 1749 annoverarono quattro Landamani, sette Vicelandamani e tre tesorieri di Svitto; nel 1718 furono nobilitati dall'imperatore Carlo VI. Proprietari, oltre che di diversi beni a Svitto, del castello di Grinau a Tuggen (ca. 1671-1737), furono l'unica famiglia ad avere una tomba di famiglia nella chiesa parrocchiale di Svitto. Da un altro ramo del casato derivarono i sovrintendenti ai battelli e i luogotenenti del balivo a Weesen, dove avevano un castello; dal nome di quest'ultimo, Halde, presero il nome di Bettschart in der Halden. Uno dei discendenti, Johann Ägidius Betschart, diede vita alla linea baronale in Baviera. Ignaz Betschart, anch'egli dell'Altviertel, fu abate di Engelberg. I Betschart che intrapresero la carriera militare furono al servizio soprattutto della Spagna, come Franz Thade Betschart.

Riferimenti bibliografici

  • Archivio privato Karl Betschart-Stöckli, Svitto
  • P. Styger, Wappenbuch des Kantons Schwyz, a cura di M. Styger, 1936, 125-131, 151, 172
  • K. Betschart, «Die Betschart-Gruft in der St. Martins-Kirche Schwyz», in Mitteilungen des Historischen Vereins des Kantons Schwyz, 66, 1974, 157-166
Scheda informativa
Variante/i
Bettschart
von Bettschart