de fr it

WeberSZ

Fam. di Svitto (circoscrizione di Arth) appartenente all'Unterallmeind, già attestata nel tardo ME. Non esiste alcuna parentela con i W. negli Höfe e nella March e nemmeno con i W. che dal XVI sec. immigrarono nel Paese di Svitto. Capostipite è considerato Nikolaus, che partecipò nel 1354 alla suddivisione dei territori di Arth tra le antiche fam. I numerosi W. originari di Arth ricoprirono cariche cant. (dopo il 1680 anche quella di Landamano), svolsero missioni diplomatiche e annoverarono capitani, balivi, ecclesiastici e imprenditori militari. La fam. incrementò il proprio patrimonio grazie alle proprietà immobiliari, al commercio di bestiame, al servizio mercenario e alle alleanze matrimoniali, per esempio con gli Zay di Arth e i Reding. Diversi esponenti della fam. ottennero titoli nobiliari. Nel XIX e XX sec. i W. occuparono cariche cant. e fed. I fratelli Nikolaus e Michael furono i capostipiti dei W. di Arth, Svitto e Brunnen. La linea fondata da Niklaus si trasferì a Svitto verso il 1630, annoverò sei Landamani, di cui due alfieri, visse nella residenza di fam. presso la chiesa parrocchiale, nel palazzo von W. (nella Herrengasse) e nell'Acherhof, e si estinse nel 1835. Tra il 1733 e il 1756 membri delle tre linee appartenenti al ramo fondato da Michael si stabilirono a Svitto e Brunnen. Da queste trassero origine, oltre alle linee di Arth, quelle dei Rössli (Svitto), degli Adler (Brunnen), degli Schlosser-W. (Weidhuob) con sei case a Svitto, dei Seiler-W. (Brunnen) così come la "linea signorile" a Svitto con residenze sulla Herrengasse (palazzo Kyd o Kapellmatt) e nella Sedlern. A questo ramo appartennero tra gli altri Franz Dominik (->), Franz Xaver (->) e Karl (->).

Riferimenti bibliografici

  • AFam Weber e doc. personali presso StASZ
  • F. D. Kyd, Das löbliche Geschlecht Weber in Schwyz, ms., 1858 (presso StASZ)
  • M. Styger, Wappenbuch des Kantons Schwyz, a cura di P. Styger, 1936, 64-68
  • W. A. von Weber, Franz Xaver von Weber (1766-1843), 1998