de fr it

Füllemann

Antica fam. rif. turgoviese attestata a Berlingen e Steckborn, dal 1800 anche a Ermatingen. Dal XV fino al XVIII sec. annoverò numerosi borgomastri e Ammänner, nel XIX e XX sec. parecchi sindaci e funzionari di circ. e inoltre due funzionari distr. (i giudici Johann Ulrich e Konrad, in carica risp. dal 1803-38 e dal 1834). Hans Georg o Jean-Georges (morto probabilmente nel 1753 a Cadix, Midi-Pyrénées), figlio di Johann Martin, borgomastro di Steckborn, dal 1722 al 1725 diresse la banca Labhard & La Poire, fondata a Parigi nel 1713 da suo zio Jean Henry Labhard, che dopo aver ottenuto enormi profitti con la cosiddetta Compagnia del Mississippi di John Law si ritirò temporaneamente a Basilea (Fuleman & Cie). Nel 1739 Hans Georg pubblicò a Parigi un Traité sur les lettres de change.

Riferimenti bibliografici

  • H. Lüthy, «Les Mississipiens de Steckborn et la fortune des barons d'Holbach», in Studi svizzeri di storia generale, 13, 1955, 143-163