de fr it

JuliusMeyer

18.4.1899 Mulhouse, 5.7.1940 Zurigo, rif., poi senza confessione, di Niederhallwil (oggi Hallwil) e dal 1928 di Basilea. Figlio di Rudolf, lavoratore a giornata, e di Emma Bacher. (1920) Julia Hersberger. Dopo l'infanzia in Alsazia, si formò come falegname. A Zurigo partecipò presto alle attività del movimento giovanile socialista. Trasferitosi a Basilea, nel 1917 aderì alla Federazione sviz. dei lavoratori del legno, di cui fu segr. di sezione (1924). Militò nel partito comunista fino alla sua espulsione nel 1930. Ebbe un ruolo guida nello sciopero dei falegnami e carpentieri basilesi nel 1930, che gli causò una temporanea incarcerazione. Dopo la nomina a segr. centrale della Federazione sviz. dei lavoratori edili e del legno (FLEL) e a redattore del suo giornale, nel 1936 tornò a Zurigo. Fu vicepres. della FLEL (1937) e membro del comitato centrale dell'Unione sindacale sviz. (1939). Morì accidentalmente prima di assumere l'incarico di pres. della FLEL nel 1940.

Riferimenti bibliografici

  • A. Vuattolo, Storia della Federazione svizzera dei lavoratori edili e del legno, 1873-1953, 3, 1956, 135
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 18.4.1899 ✝︎ 5.7.1940

Suggerimento di citazione

Wichers, Hermann: "Meyer, Julius", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 13.09.2007(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/023035/2007-09-13/, consultato il 24.11.2020.