de fr it

SilvioCalloni

18.2.1851 Pazzallo, 24.2.1931 Pazzallo, catt., di Pazzallo. Figlio di Pietro e di Luigia Arcellaschi. Celibe. Conseguita la licenza in scienze naturali all'Univ. di Ginevra, dal 1878 si stabilì in questa città, dedicandosi allo studio della botanica. Fino al 1883 lavorò al riordino degli erbari Delessert e de Candolle e pubblicò una trentina di articoli su argomenti di istologia vegetale, embriologia e sistematica, in lingua franc. Nel 1884 divenne assistente di Pietro Pavesi presso il Gabinetto di zoologia all'Univ. di Pavia, ottenendo nello stesso anno il dottorato. Nel 1888 il Reale ist. lombardo di scienze e lettere gli conferì il premio della Fondazione Cagnola per lo studio La fauna nivale, con particolare riguardo ai viventi delle alte Alpi. Rientrò nel Ticino nel 1893 e dal 1894 al 1912 fu insegnante di storia naturale al liceo di Lugano. Partecipò attivamente alla vita del Paese, occupandosi, oltre che di fatti culturali, di agricoltura, protezione della flora e della fauna, alpinismo, anticipando nei suoi interventi molti temi della moderna sensibilità ecologica. Pubblicò numerosi scritti a carattere scientifico e due monografie sulla flora del Ceresio (1913).

Riferimenti bibliografici

  • D. Calloni (a cura di), Un naturalista dell'Ottocento, 1993
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 18.2.1851 ✝︎ 24.2.1931