de fr it

AdolfoJenni

3.5.1911 Modena, 12.2.1997 Muri bei Bern, rif., di Niederhünigen. Figlio di Hans, industriale, e di Maria Barbieri, di Modena. (1948) Sabina Bürgi. Dopo le scuole a Modena e a Parma studiò lettere all'Univ. di Bologna. Nel 1936 si trasferì a Berna, non potendo insegnare nelle scuole pubbliche it. Fu dapprima lettore di it. e libero docente e poi professore straordinario (dal 1945) e ordinario (1954-76) di lingua e letteratura it. presso l'Univ. di Berna. Alternò periodi in Svizzera ted. a soggiorni in Italia e nel Ticino. Le sue numerose opere, in prosa e in versi (spesso senza una netta distinzione tra i due registri: Mia cara giardiniera: poesia in versi e prosa, 1992), sono ispirate da vicende e luoghi della sua vita e da riflessioni sul proprio lavoro; il personaggio di Saverio Adami, protagonista di alcuni libri, è un alter ego dell'autore. Fu pure autore di saggi critici (Dante, Alessandro Manzoni e altri) e sulle relazioni culturali tra Svizzera e Italia.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso ASL
  • G. Contini, Pagine ticinesi di Gianfranco Contini, a cura di R. Broggini, 19862 (con aggiunte risp. all'ed. del 1981)
  • Bloc notes, 36, 1997, 185-187
  • Der Bund, 18.2.1997
  • AA. VV., Cento anni di poesia nella Svizzera italiana, 1997, 149-162
  • A. Stäuble, «Il paesaggio nell'opera di A. Jenni», in Quarto, 18, 2003, 52-59 (con elenco delle op.)
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 3.5.1911 ✝︎ 12.2.1997

Suggerimento di citazione

Antonio Stäuble: "Jenni, Adolfo", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 07.04.2009. Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/023268/2009-04-07/, consultato il 25.05.2022.