de fr it

vonFulach

Fam. cittadina di Sciaffusa, appartenente alla bassa nobiltà, attestata dal XIII fino al XVII sec. inoltrato. Fu menz. la prima volta nel 1253 con Burkhard e Rudolf, proprietari di immobili in città; fino al termine del XIII sec. diversi membri della fam. risultano cit. negli atti cittadini in qualità di testimoni. Con Johann (II) e suo figlio Johann (III), la fam. acquisì numerosi fondi e diritti a Sciaffusa e dintorni, tra cui un terzo del baliaggio di Thayngen (1359), la decima di Gailingen in feudo dall'Austria (1370), la signoria di Rüdlingen-Buchberg-Ellikon (1373) e la decima e dei fondi a Barzheim (1378). Nel 1291 Johann (I), padre del già menz. Johann (II), fu il primo rappresentante in Consiglio della fam., in seguito regolarmente rappresentata fino alla fine del XV sec. Nel 1422 Konrad (menz. 1401-30), figlio di Johann (III), assunse la carica di borgomastro. Sempre nel 1422, Konrad entrò in possesso della fortezza di Wörth (nei pressi delle cascate del Reno), inclusi il dazio, il baliaggio di Neuhausen e ulteriori diritti. Nel 1444 suo figlio Hans acquistò il castello e la signoria di Laufen, ciò che coinvolse la fam. in un lungo conflitto con Bilgeri von Heudorf, che aveva a sua volta avanzato pretese su tale signoria. Grazie al sostegno austriaco, nel 1449 Bilgeri von Heudorf riuscì temporaneamente a occupare il castello, ottenendo inoltre nel 1457 il bando dei von F. dall'Impero, revocato solo nel 1473. Dato il sostegno pressoché nullo che Sciaffusa fu in grado di offrire loro nel quadro di tale conflitto, Hans e suo fratello Konrad in qualità di signori di Laufen conclusero nel 1455 un patto di comborghesia con la città di Zurigo, ciò che portò a tensioni con la loro città natale. Queste tensioni si inasprirono con la Riforma, quando numerosi membri della fam. emigrarono a Zurigo e a Diessenhofen. Nel XV-XVI sec. diverse donne della fam. furono alla guida di conventi, come Agnes (->), Anastasia (->) e Anna (->). Secondo Johann Jakob Leu gli ultimi von F. morirono nel XVII sec. a Diessenhofen.

Riferimenti bibliografici

  • J. J. Rüeger, Chronik der Stadt und Landschaft Schaffhausen, 2, 1892, 715-735
  • E. Stauber, Schloss und Herrschaft Laufen, 1923, 13-47